Economia

Fisco: Bologna 'spreme' le PMI, tassazione oltre il 70%

A rilevarlo 'Comune che vai, fisco che trovi', il Rapporto 2017 dell'Osservatorio CNA sulla tassazione delle Piccole e Medie Imprese

Nel 2016 il Total tax rate (Ttr) delle piccole imprese italiane è rimasto fermo al 60,9%. A rilevarlo 'Comune che vai, fisco che trovi', il Rapporto 2017 dell'Osservatorio permanente CNA sulla tassazione delle Pmi, che analizza l'andamento della tassazione sulle piccole imprese in 135 città italiane.

L'analisi si basa sull'impresa tipo italiana, con un laboratorio e un negozio, ricavi per 431mila euro, un impiegato e quattro operai di personale, 50mila euro di reddito, scoprendo che seconda per incidenza del Ttr sulle piccole imprese è stata Bologna, con il 71,9%(-1%), terza Roma (69,1%/-2,6%), quindi Firenze (69%), Catania (68,5%), Bari (68,1%), Napoli (67,8%), Cremona e Salerno (66,8%), Foggia (66,3%), Sassari (66,1%).  Nel 2016 Reggio Calabria si conferma il capoluogo che maggiormente tartassa le piccole imprese con un Ttr del 73,2%, un pò meno peggio del 2015 (74,9%) ma ben piu' del 62,4% segnato nel 2011.

La più virtuosa è Trento, dove il Ttr ha inciso soltanto per il 53,9%. Per quest'anno l'Osservatorio prevede pochi cambi: Reggio Calabria dovrebbe continuare a primeggiare nella poco invidiabile classifica di città con il piu' elevato Ttr italiano (con il 73,4%) e a festeggiare per ultima il Tfd (il 24 settembre). Così come Trento sembra destinata a rimanere la città piu' "benevola" con il 54,1% di Ttr e il 16 luglio di liberazione fiscale. (dire)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fisco: Bologna 'spreme' le PMI, tassazione oltre il 70%

BolognaToday è in caricamento