Ufficio postale di S.Ruffillo a rischio, il vicesindaco sollecita un incontro

I cittadini sono preoccupati per la possibile chiusura e la politica condivide. Il vicesindaco Marilena Pillati: "Verificheremo la possibilità di scongiurare la chiusura dell'ufficio postale"

Cinquecento cittadini hanno già firmato la petizione per salvare l'ufficio postale di Piazza San Ruffillo e altri lo faranno in occasione di un piccolo presidio organizzato per sabato mattina, davanti a quella filiale e a quei lavoratori che sono punto di riferimento per la comunità di zona e soprattutto per i clienti più anziani, sia per i servizi postali che per quelli bancari, sportello automatico compreso. 

Sull'effettiva cessazione della sede di via Toscana 140 non si ha certezza e Poste Italiane non ha risposto in modo diretto alla richiesta di ufficialità o smentita della chiusura, sottolineando però che "nessun ufficio postale verrà chiuso senza una completa e preventiva condivisione con le competenti autorità Comunali" e quindi lasciando immaginare un imminente incontro a Palazzo d'Accursio. 

E a sperare in questo incontro c'è anche il vicesindaco Marilena Pillati, che condivide con i cittadini la preoccupazione: "La paventata chiusura dell’ufficio postale di San Ruffillo mi preoccupa. Conosco personalmente la zona di via Toscana e comprendo i timori delle persone che vivono in quel territorio a seguito della notizia, che ha lasciato tutti spiazzati. Sono vicina ai cittadini che in questi giorni stanno raccogliendo le firme e faccio mia la loro sollecitazione per un incontro urgente tra Comune e Poste, al fine di verificare la possibilità di scongiurare la chiusura dell'ufficio postale".

Come aveva precisato l'azienda con una nota, generica e senza diretto riferimento all'ufficio in questione: "In alcune grandi città ad alta densità  abitativa e capillare presenza di Uffici Postali è stato avviato un progetto di rimodulazione della presenza in aree urbane, con lo scopo di implementare il servizio e migliorare l’articolazione territoriale per cittadini, imprese e pubblica amministrazione. I criteri adottati sono particolarmente stringenti e riguardano esclusivamente città con numero di abitanti superiore a 100 mila, uffici postali con esiguo numero di operazioni effettuate al giorno, presenza di altro ufficio limitrofo entro poche centinaia di metri e soprattutto adeguamento ai processi di trasformazione urbana che negli ultimi decenni hanno coinvolto il territorio".

A schierarsi con i residenti anche la consigliera comunale Federica Mazzoni: "Lavorare per una città che resti vivibile significa anche battersi perché i servizi punti di riferimento restino nelle #periferie, distribuiti in maniera facilmente accessibile da tutta la cittadinanza.Per questo preoccupa l'annunciata chiusura dell'ufficio postale di San Ruffillo nel Quartiere Savena; la sua dimensione sociale, insieme all'aspetto di utilità a fini comunicativi, logistici e commerciali, non può essere sottovalutato. Grazie ai cittadini/e che si sono già organizzati per la raccolta firme, auspico che il Sindaco e la Giunta del Comune di Bologna possano raccogliere le vostre istanze nei confronti di Poste Italiane". E sabato mattina alle 11 davanti alla sede continuerà la raccolta di firme per la petizione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 borghi medievali più belli nella provincia di Bologna

  • Dai colli al centro città, i sette parchi più belli di Bologna

  • Basilica di San Petronio, la chiesa più grande di Bologna: 7 cose da sapere

  • Saggezza popolare: i proverbi più amati dai bolognesi

  • Prezzi case a Bologna: la mappa zona per zona

  • Covid, nuovo focolaio corriere Tnt: chiuso il magazzino, test per tutti i lavoratori della logistica

Torna su
BolognaToday è in caricamento