Giovedì, 18 Luglio 2024
Economia

"Bologna la grassa": la città italiana più economica per mangiare

Curiosi i risultati dell'indagine Just Eat, secondo cui l'accoglienza di Bologna sta anche nei prezzi delcibo. Merito anche degli studenti

Da una ricerca realizzata su 700 ristoranti Bologna si conferma la città più economica in Italia a livello gastronomico: con l’equivalente di una pizza diavola a Bologna (il cui prezzo medio si attesta su €5,08) a Milano si mangia poco più di una porzione di ravioli al vapore (mediamente €4,27); a Bologna mangi quasi tre pizze diavola (€5,08) con l’equivalente di un solo sushi a Milano (€17,50); sei involtini primavera a Bologna equivalgono a una pizza diavola a Firenze che costa in media €6,10.

Cibi comuni, prezzi diversi: questa la fotografia del Paese che emerge dalla ricerca realizzata dal leader mondiale del take away Just Eat. Milano e Roma le città più care dove mangiare? Il detto recita “tra i due litiganti il terzo gode” ed è, infatti, Firenze ad aggiudicarsi il titolo. Il colosso mondiale del take away, ha realizzato un’indagine che ha coinvolto l’intera rete di circa 700 ristoranti affiliati per scoprire come variano nelle principali città italiane i prezzi di alcuni tra i cibi più diffusi. Partendo da un classico per eccellenza della nostra cucina, la pizza, passando per gli involtini primavera, i ravioli al vapore ed il sushi, il cibo si conferma cartina tornasole dei costumi, e del portafoglio, degli italiani.

Secondo il “paniere” stilato da JUST EAT: a Firenze il costo di una pizza capricciosa supera del 23% il prezzo pagato a Bologna mentre la differenza per il sushi è addirittura di 67 punti percentuali; a Torino con poco più di €5,00 si ordinare una diavola e con poco meno ci si porta a casa l’accoppiata involtini e ravioli; con l’equivalente di una pizza diavola a Bologna, il cui prezzo medio si attesta su €5,08, a Milano si mangia poco più di una porzione di ravioli al vapore (mediamente €4,27); con una porzione di sushi a Firenze, il cui costo si aggira intorno ai €18, si possono invece acquistare tre pizze capricciose a Roma; una pizza diavola a Firenze costa in media €6,10, l’equivalente di sei involtini primavera a Bologna; se a Torino ordini un involtino primavera (€1,50) a Bologna con la stessa cifra ne potresti mangiare uno e mezzo.

Stilando invece una classifica delle città più care tra quelle prese in esame, Firenze ruba il titolo alla metropoli milanese, sfatando il mito che da sempre vede Milano come patria della movida, bella da vivere ma difficilmente accessibile. A Bologna la medaglia d’oro di città più economica, a conferma della sua natura più umana e accogliente, molto adatta anche alle esigenze dei numerosi studenti che la affollano, tendenzialmente più attenti alle spese.  A contendersi le posizioni centrali della classifica ci sono Roma e Torino: la capitale si conferma tuttavia più incline al risparmio sebbene rimanga la città più cara per il sushi e la pizza diavola.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Bologna la grassa": la città italiana più economica per mangiare
BolognaToday è in caricamento