menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dalla Regione 2.500 euro ai maestri di sci. Bonaccini: "Finora non hanno visto niente"

Sono oltre 400 i maestri di sci della regione

Un ristoro di circa 2.500 euro ciascuno dalla Regione per i maestri sci. Lo ha anticipato Stefano Bonaccini partecipando a un incontro sulla crisi del turismo organizzato dal Pd di Belluno. "Oltre ai 400 milioni di ristori per gli impianti di risalita e al fondo per gli alberghi stanziati dal Governo - ha detto - noi crediamo che la priorità delle priorità sia dare ossigeno alle categorie più in sofferenza, come appunto i maestri di Sci".

Bonaccini conferma inoltre che "i primi di marzo approveremo una legge che prevede un milione di euro" per gli oltre 400 maestri di sci della regione  "lavoratori che finora non hanno visto niente".

I maestri di sci e l'intero settore della montagna sono reduci dalla "doccia gelata" di domenica scorsa, quando il ministero della Salute ha fatto sapere che la riapertura, prevista per lunedì 15 febbraio, sarebbe slittata almeno al 5 marzo. 

"Provi a pensare all'economia, a chi aspettava solo questo giorno per ripartire, è una delusione grandissima - aveva detto Luciano Magnani, presidente del Collegio Mastri di sci Emilia-Romagna e Consorzio Monte Cimone a Bologna Today - si tratta anche di rispetto per chi ha lavorato, operatori, maestri di sci, che sono stati avvisati solo 14 ore prima. E poi ristoranti, alberghi che avevano preso le prenotazioni e adesso devono richiudere. E' la quarta rinviano, abbiamo pazientato anche troppo - e conclude - i centri commerciali sono pieni e anche i centri storici, ma sugli sci non si può andare".

"Era pronto il Decreto ristori 5, poi c'è stata la crisi. Nella prima seduta dell'aula dopo l'insediamento del governo, deve essere approvato il decreto e incrementato rispetto ai 32 miliardi previsti", chiede l'assessore regionale al Turismo dell'Emilia-Romagna, Andrea Corsini. "Dovrà contenere gli indennizzi per gli operatori della montagna, non solo per i mancati introiti legati alle chiusure passate, ma dovranno esser risarcite le spese sostenute per la mancata riapertura del 15 febbraio, il prima possibile, già dalla prossima settimana, fatti salvi i passaggi tecnici, le cifre devono essere messe a disposizione", sottolinea Corsini. "Come Emilia-Romagna abbiamo messo a disposizione un milione per i maestri di sci. Vedremo quanto sarà stanziato per gli operatori della montagna e se necessario non ci sottrarremo dal fare ulteriormente la nostra parte", assicura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento