Economia

Saldi 'tranquilli' al via a Bologna e Ascom punta al turismo commerciale

Parte l'iniziativa per i saldi estivi di Confcommercio: 'Obiettivo consolidare il rapporto di fiducia e di trasparenza tra i clienti ed i commercianti". Tonelli positivo: "Attendiamo aumento di acquirenti anche da altre città"

Conto alla rovescia per l'avvio dei saldi estivi 2012, che a Bologna, come in tutta la Regione Emilia Romagna, prenderanno avvio il prossimo sabato 7 luglio e termineranno Mercoledì 5 Settembre.
In concomitanza Confcommercio Ascom Bologna, lancia l'iniziativa 'saldi tranquilli', per promuovere le vendite nei suoi negozi associati durante questo periodo e garantire correttezza ai consumatori.

TURISMO COMMERCIALE. “Il periodo di congiuntura economica -  racconta Presidente Confcommercio Ascom Bologna Enrico Postacchini - continua purtroppo ad essere molto delicato, secondo le stime di Confcommercio Imprese per l’Italia infatti i consumi delle famiglie, nei primi mesi de1 2012, hanno fatto registrare un netto calo sui volumi d’affari rispetto al 2011. Per questo motivo Confcommercio Ascom Bologna ritiene necessario ed importante per il nostro territorio lanciare un forte messaggio ai consumatori, assicurando loro un importante servizio che possa garantire un ampio ventaglio di scelta nei vari esercizi commerciali di Bologna e Provincia dove trovare garanzia di qualità e convenienza. L’obiettivo è di consolidare il rapporto di fiducia e di trasparenza tra i clienti ed i commercianti”.
Giancarlo Tonelli, Direttore Generale di Ascom Confcommercio Bologna: “Siamo consapevoli del duro momento che sta attraversando il nostro territorio e siamo per questo motivo fortemente convinti che alla base della sua ripresa vi debba essere il rilancio dei consumi,  per questo abbiamo l’intenzione di riproporre questo servizio a tutta la cittadinanza ed a tutti i turisti, visti gli ottimi risultati degli anni precedenti, e che avrà il fine di promuovere non solo a Bologna, ma anche su tutto il territorio regionale, il periodo più atteso dello shopping. Attendiamo pertanto un aumento anche di una forte presenza proveniente da altre città, un turismo “commerciale” che affiancherà il consueto turismo culturale presente in questo periodo a Bologna”. In conclusione il Direttore Giancarlo Tonelli: “Confcommercio Ascom Bologna è da sempre sensibile al territorio di Bologna e Provincia ed ai consumatori che presso tutte le attività commerciali nostre associate potranno trovare cortesia, qualità e convenienza, potendo così toccare con mano la professionalità dei nostri imprenditori”.
 
SALDI TRANQUILLI. S
i articola in due diversi momenti - spiega Ascom - "Il primo principalmente centrato sulla clientela vista come referente fondamentale di una campagna informativa per rendere note le norme che regolano un corretto svolgimento dei saldi. Il secondo momento, invece, è rivolto soprattutto agli operatori commerciali per i quali è stato attivato un numero di telefono cui rivolgersi (tel. 051-6487.411 - dal lunedì al venerdì. Orario: 09.30-12.30 e 14-17) per avere delucidazioni sull’applicazione della disciplina dei saldi di fine stagione. Al riguardo, si ricordano brevemente alcuni principi generali:
Comunicazione: le vendite di fine stagione devono essere segnalate al Comune (per Bologna al Quartiere) con almeno 5 giorni di anticipo indicando il periodo prescelto entro i limiti sopra indicati.
Esposizione dei prezzi: come in tutte le vendite speciali esiste l’obbligo di esporre al pubblico il prezzo iniziale, la percentuale di sconto e il prezzo scontato.
Pubblicità: gli estremi della comunicazione al Comune e la durata dei saldi devono essere indicati in tutte le pubblicità comunque e dovunque realizzate. Sul punto vendita possono comparire una sola volta purché in maniera "evidente" e leggibile dall'esterno. Le asserzioni pubblicitarie devono essere chiare e non indurre in equivoco.
Pagamenti elettronici: i negozi convenzionati devono normalmente accettare carte di credito e bancomat.
Disposizione della merce: al fine di non indurre il consumatore in errore, è fatto obbligo di disporre le merci offerte in saldo in maniera inequivocabilmente distinta e separata da quelle che eventualmente siano contemporaneamente poste in vendita alle condizioni ordinarie. Qualora tale separazione non sia praticabile, la vendita ordinaria viene sospesa.
Durata: Possono essere effettuate anche per l'intero periodo segnalando nella comunicazione e al pubblico i periodi prescelti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saldi 'tranquilli' al via a Bologna e Ascom punta al turismo commerciale
BolognaToday è in caricamento