Lunedì, 14 Giugno 2021
Economia Via Castiglione

L'intervista. Nuove professioni: l'artigianato diventa digitale con la stampante 3D

Corsi anche a Bologna per imparare a utilizzare questo strumento sorprendente: attraverso un software si progetta l'oggetto che si desidera realizzare

Che cos'è una stampante in 3D e che cosa ci si può fare ce lo spiega Nicola Schiavarelli, docente del corso dedicato a L.U.N.A, Libera Università delle Arti di Bologna. Laureato nel 2012 in "Disegno Industriale e progettazione con materiali ceramici e avanzati" presso l'Isia Faenza, Nicola al momento si occupa di modellazione 3D per lavori freelance nel campo dell'oreficeria e della grafica 3D (ma sappiamo che sta lavorando a un grande progetto, una casa di argilla). Dal dicembre 2011 fa parte del team WASP, un progetto pieno di innovazione e di ricerca. All'interno del progetto si occupa principalmente di progettazione, modellazione 3D, riprese/montaggio video,corsi, ricerca e fiere. Ed è a Schiavarelli, vista la cattedra che detiene nel settore, che abbiamo fatto qualche domanda per capirne di più e per capire anche, se ci si può ricavare una qualche bellissima, nuova e creativa professione. nicola-2-3

Che cos'è la stampante 3D, cosa permette di realizzare e con quali materiali?

La stampante 3d è una tecnologia che permette la realizzazione di un oggetto tramite l'addizione di materiale, strato dopo strato.
Ne esistono di vari tipi, la più economica sfrutta la deposizione di un filamento di plastica fusa. Consente di realizzare qualsiasi tipo di oggetto con quasi tutti i polimeri termoplastici (PLA,ABS,PET,NYLON...)

Quali competenze sono indispensabili per poterla utilizzare?

Bisogna avere padronanza di un software di modellazione 3d e fare esperienza con i software di stampa per capire come impostare i vari parametri che variano da oggetto a oggetto.

Chi segue i vostri corsi per imparare a utilizzarla e per la maggiore con quali obiettivi?

Chi segue i corsi sono solitamente progettisti, aritigiani e hobbisti. Al momento sono molti anche i privati e aziende.

Possiamo parlare di "artigianato digitale" in crescita? Ci fa qualche esempio?

La parola artigianato digitale è legata oramai alla parola Maker. Il maker rappresenta l'artigiano che sfrutta le nuove tecnologie come stampanti 3d, frese, tagli laser ecc. Un settore che sta crescendo e che sta riacquistando il valore e l'importanza di un tempo.

Quali sono secondo voi gli sbocchi lavorativi?

Tanti sono i giovani che si stanno appassionando a questo mondo, stimolando e concretizzando i propri progetti. Parlando anche solo dell'Italia, sono nate tantissime realtà come ad esempio i FabLab.

Quanto costa una stampante 3D all'incirca? Dove si acquista?

Le stampanti 3d desktop costano dai 1.000 ai 2.500 euro. La Powerwasp ad esempio costa 1.500 euro oppure la Deltawasp 2300 e si possono acquistare direttamente dall'azienda WASP o da vari rivenditori in giro per l'europa.

Avete degli esempi di oggetti realizzati? Accessori, gioielli....

I campi di applicazione, grazie a materiali sempre più tecnici, sono sempre più vasti. Dall'oreficeria al medicale, alla meccanica alla realizzazione di prototipi in generale, alla realizzazione di plastici o alla riproduzione di monumenti e sculture.


 


 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'intervista. Nuove professioni: l'artigianato diventa digitale con la stampante 3D

BolognaToday è in caricamento