Economia

Rincari Tares, alcuni comuni istituiscono un fondo straordinario

Per equilibrare i rincari Tares di 3 dei 4 Comuni della Valle del Santerno, i Comuni e il Nuovo Circondario Imolese hanno costituito un fondo di 150.000 euro

Al fine di equilibrare i pesanti rincari della Tares di tre dei quattro Comuni della Valle del Santerno, i Comuni e il Nuovo Circondario Imolese hanno costituito, in tempi brevissimi, un fondo straordinario pari a 150.000 euro da destinare alle attività produttive, commerciali e artigianali, dei comuni di Borgo Tossignano, Fontanelice e Castel del Rio, tra i più colpiti dai rincari di tutta la Regione Emilia Romagna.

"I tre Comuni approveranno il regolamento per l’erogazione delle suddette risorse entro gennaio Il regolamento prevederà la valutazione puntuale di ogni singola situazione in modo da garantire a tutti la stessa riduzione percentuale. Gli operatori economici dei tre territori sono circa 280.

L’erogazione materiale del contributo avverrà necessariamente dopo l’approvazione dei consuntivi 2013, indicativamente a maggio 2014, ma gli operatori  sapranno già entro la metà di febbraio qual è la cifra che spetta a loro. Si prevede che l’abbattimento dell’aumento si aggiri intorno al 60%. Per il 2014 il Con. Ami supporterà i Comuni al fine di individuare forme di riprofilazione del servizio nonché di sperimentazioni di raccolta puntuale.

Tutti i Sindaci della Vallata del Santerno confermano il quadro di fortissima contrarietà rispetto alla legge istitutiva della Tares, che scarica su famiglie, imprese e Comuni il peso e le conseguenze di una legge che gli amministratori si vedono costretti ad applicare pur non condividendola.

I Sindaci esprimono inoltre grande preoccupazione per il quadro di incertezza tuttora esistente in relazione a quanto deve essere ancora definito da Governo e Parlamento per l’anno 2014"

I quattro Sindaci della Vallata

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rincari Tares, alcuni comuni istituiscono un fondo straordinario

BolognaToday è in caricamento