Economia

La Titan di Crespellano chiude, 200 lavoratori a casa: fabbrica occupata

Era nell'aria, oggi l'annuncio: "L'assemblea dei lavoratori Titan di Crespellano ha deciso all'unanimità di proseguire in assemblea permanente con occupazione dell'azienda contro la chiusura dello stabilimento". 200 lavoratori a rischio

foto Dire - l'occupazione

"L'assemblea dei lavoratori Titan di Crespellano ha appena deciso all'unanimità di proseguire in assemblea permanente con occupazione dell'azienda contro la chiusura dello stabilimento comunicata ieri dalla multinazionale". Così Michele Bulgarelli, funzionario della Fiom di Bologna, annunciando quello che era già nell'aria, vista la volontà della proprietà americana della Titan Italia di Crespellano di chiudere entro l'anno prossimo lo stabilimento e di mettere in mobilità circa 200 operai.

Dopo le insistenti voci, non confermate dall'azienda, di un processo di delocalizzazione, gli americani hanno deciso dunque di chiudere lo stabilimento di Crespellano e lasciare aperto quello di Finale Emilia, spostandovi tutti i macchinari.

Assemblea permanente e occupazione della fabbrica sono confermate in un comunicato ufficiale dalla Fiom-Cgil di Bologna, che annuncia anche la presenza del segretario della Fiom-Cgil di Bologna, Alberto Monti, oggi  presso lo stabilimento, in occasione di una conferenza stampa.

(fonte agenzia Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Titan di Crespellano chiude, 200 lavoratori a casa: fabbrica occupata

BolognaToday è in caricamento