menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto profilo Facebook

Foto profilo Facebook

Il presidente dei ristoratori Vottero: "Si prepara una bomba sociale, meglio lockdown per 2 settimane"

Lo sfogo e l'sos del presidente dei ristoratori di Ascom Bologna, lo chef Vincenzo Vottero: "Meglio andare in in lockdown totale per due settimane e poi ripartire"

"Abbiamo gia' passato il punto di non ritorno, non reggeremo ad altre chiusure. Ormai si vanno a intaccare i risparmi personali per tenere in piedi la propria attivita'. E' l'allarme lanciato dal presidente dei ristoratori di Ascom Bologna, lo chef Vincenzo Vottero in uno lungo sfogo, anche alla luce di un ventilato ri-passaggio dell'Emilia-Romagna in zona arancione, il che significherebbe, bar e ristoranti aperti fino alle 22 ma solo per asporto e consegna a domicilio.

"Quando toglieranno il divieto di sfratto, emergerà il problema sociale: tante aziende della ristorazione in questi mesi non sono state in grado di pagare gli affitti, si prepara una bomba sociale"

Per Vottero si è "già passato il punto di non ritorno, non reggeremo ad altre chiusure. Ormai si vanno a intaccare i risparmi personali per tenere in piedi la propria attivita'. Un ristorante su tre chiuderà", ha detto a Punto Radio, ma "le vittime commerciali si vedranno quando ci diranno che possiamo riaprire. Quando toglieranno il divieto di sfratto, emergerà il problema sociale: tante aziende della ristorazione in questi mesi non sono state in grado di pagare gli affitti, si prepara una bomba sociale" e a saltare "non saranno pochi", avverte.

Intanto in città è nato il Comitato Tutela Ristoranti Bologna che sabato, 20 febbraio, hanno organizzato una fiaccolata in Piazza Maggiore per contestare la chiusura imposta alle 18.

"A Bologna impieghiamo 20.000 persone"

"La categoria versa in una condizione tragica. I risarcimenti sono stati pari a circa il 5-6% del fatturato di un anno. Con il 5% del fatturato un'azienda non la tieni aperta", sostiene Vottero, che contesta  contro le misure che impongono limitazioni e chiusure con scarsisissimo anticipo, come accaduto nel fine settimana con gli impianti delle stazioni sciistiche: "Non è accettabile decidere un giorno prima delle aperture. Non puoi dire alla gente, venti ore prima, che non potrà aprire - e tuona - fa schifo come modo. Se c'è il Covid, allora meglio andare in in lockdown totale per due settimane e poi ripartire". 

Ristori per bar e ristoranti, Corsini: "Da Pasqua i primi fondi sui conti correnti dei gestori"

Sono quasi 11mila i gestori di bar e ristoranti dell’Emilia-Romagna che hanno risposto al bando ristori della Regione finanziato con oltre 21 milioni di euro per dare - sottolineano da viale Aldo Moro - "una boccata d’ossigeno alle attività commerciali tra le più colpite dall’emergenza Covid. Grazie all’ottima collaborazione con Unioncamere e le Camere di commercio siamo riusciti a mettere in piedi in tempi rapidi un sistema inedito, per portata, che già a partire da Pasqua permetterà alle prime imprese di ricevere i soldi direttamente sui propri conti correnti”, fa sapere l'assessore Corsini. 

"Noi solo a Bologna impieghiamo 20.000 persone. Draghi, che spero che non sia un imbecille, ha reinserito il ministero del Turismo non per caso. Se andiamo noi a cartoni, va a cartoni mezza Italia", sbotta. "Il problema è serio o no? I contagi vanno al rialzo o al ribasso? Ieri a Bologna c'è stato un morto, mi dispiace, ma non mi sembra una situazione di tale gravità. Non sappiamo più cosa credere. I media ci hanno messo l'asso di briscola, dipingendo una situazione da peste del medioevo. Non siamo negazionisti, non diciamo che il covid non c'è, ma sappiamo quale fetta della popolazione aggredisce. Per questo, chiediamo la riparametrazione su quello che è stato fatto finora", ripete. "E' il popolo che decide. E se in questi fine settimana, ha deciso quello che è successo, prendiamone atto. Io dico: veniteci a controllare tre volte al giorno. In verità, hanno completamente abdicato al controllo del territorio. Vedi locali uno sopra all'altro, ma poi non fanno un controllo che sia uno, per poter dire 'vi chiudo tutti'", conclude lo chef.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Casalecchio: aperto il nuovo ristorante McDonald’s 

Salute

Più sedentari causa smartworking e Dad. La personal trainer "L'esercizio fisico è un 'farmaco', può previene malattie croniche"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento