"Bologna in Fiore" edizione d'autunno: non solo fiori e piante

Da venerdì 16 a domenica 18 settembre nelle piazze Minghetti e del Francia Bologna in Fiore colora l'autunno. 

Ancora una volta le piazze Minghetti e del Francia, nel cuore di Bologna, il teatro dell’evento più colorato e profumato del capoluogo felsineo: da venerdì 16 a domenica 18 settembre torna infatti l’appuntamento con Bologna in Fiore, la manifestazione florovivaistica organizzata da SGP en plein air che trasforma il centro storico in un giardino. Due tra le piazze più eleganti del capoluogo felsineo, recentemente riqualificate e impreziosite dalla presenza delle boutique del fashion made in Italy, ospiteranno una distesa di fiori e piante a cielo aperto, in una sorta di serra sotto casa da cui acquistare l'occorrente per abbellire case, giardini, balconi e terrazze. Giunta alla quarta edizione autunnale, la kermesse è il punto di riferimento obbligato per tutti gli appassionati del verde, ma anche per i semplici curiosi che desiderano approcciarsi per la prima volta al giardinaggio casalingo fai da te. 

L'edizione autunnale ha riscosso subito successo grazie alle sue particolarità: è difficilmente immaginabile il numero di fiori e piante che sbocciano in autunno, stagione che nell'immaginario collettivo non è tradizionalmente associata alla fioritura. Ma non è affatto così: a Bologna in Fiore si potranno scoprire tantissime piante insolite, che fioriscono per tutto l'inverno, come ad esempio il bellissimo ciclamino, una delle più diffuse piante da appartamento. Il ciclamino vive 4-5 anni e i suoi inconfondibili fiori sbocciano per tutto l'inverno, fino ad aprile. Da citare anche le camelie, altra specie con fioriture autunnali e invernali e che sarà possibile acquistare nella tre giorni bolognese: dalla Camelia sasanqua originaria dell'isola giapponese di Okinawa alla Camelia oleifera, che in pieno inverno produce numerosissimi fiori bianchi. 
    Tra le varietà più particolari che si potranno trovare solo a Bologna in Fiore c'è la Pitaya o frutto del drago. La Pitaya appartiene alla famiglia delle cactacee, sviluppa un grande fiore e generalmente fiorisce di notte. Il frutto, detto frutto del drago, ha la forma allungata con polpa cremosa dal gusto tra il kiwi e la pera ed è ricco di vitamine e proprietà benefiche. Si potranno inoltre acquistare piante carnivore e piante da frutto, molto ricercate per gustare prelibatezze come fragole e ribes direttamente a casa. E ancora la Calendula, le Aloe, le Tillandsie, perenni che vivono anche in interno, la Calancola, le vere Stelle Alpine e la ormai famosa Sanseveria.
    Non mancheranno le erbe aromatiche, negli ultimi anni una vera e propria scoperta per il grande pubblico. A Bologna in Fiore sarà possibile trovare oltre 140 tipi: dalle 30 varietà di peperoncino alla salvia, dalle fiorite santoreggia alla menta della Val d’Aosta e quella marocchina, dalla piperita alla spicata, il raperonzolo, l’erba caccialepre, l’alchemilla, e tantissime altre, per avere sempre sul proprio balcone o giardino erbe aromatiche pronte da cogliere per dare un tocco in più alla propria cucina.

Bologna in Fiore non è solo fiori: selezionatissimi stand, uguali a quelli utilizzati nei Paesi del Nord Europa, proporranno eccellenze gastronomiche provenienti da diverse regioni d'Italia e prodotti di artigianato di elevata qualità.
Anche in quest'edizione, infine, sarà attivo il servizio di cortesia (gratuito), riservato a chi deciderà di acquistare vasi con piante o fiori e che ha la necessità di trasportarli nelle immediate vicinanze della piazza, già sperimentato con successo nella scorsa edizione primaverile con la partecipazione di ragazzi e ragazzi con Sindrome di Down. In questa occasione Bologna in Fiore collabora con l'associazione di volontariato Uva Passa, che svolge attività con stranieri arrivati in Italia senza rete famigliare: nelle giornate di sabato e domenica due giovani rifugiati (uno del Benin e uno della Guinea) si trasformeranno in “garzoni” per un giorno, con tanto di grembiulone e targhetta di riconoscimento. Un modo simpatico per coinvolgere i ragazzi in un'attività lavorativa che consiste nel portare, su appositi carrellini, le piante acquistate fino all’auto o sotto casa del cliente. Il servizio, attivo nelle ore di maggior affluenza (cioè dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19) è particolarmente utile per le persone più anziane, che così non dovranno rinunciare ad avere una grande e bella pianta in casa.
    

Ingresso gratuito
Orario continuato dalle 9 alle 20

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mercatini, potrebbe interessarti

I più visti

  • Tecnico per la promozione turistica specializzato nella progettazione e distribuzione di itinerari sostenibili

    • Gratis
    • dal 28 settembre 2020 al 30 luglio 2021
    • Nuovo Cescot ER
  • “Criminis Imago. Le immagini della criminalità a Bologna”: la mostra riapre a febbraio 2021

    • dal 1 febbraio al 27 giugno 2021
    • Santa Maria della Vita
  • Resilienze Festival 2020-2021: "​Legami Invisibili​"

    • Gratis
    • dal 8 settembre 2020 al 31 maggio 2021
    • Vari luoghi
  • Vittorio Corcos, "Ritratti e Sogni": la mostra a Palazzo Pallavicini

    • dal 2 febbraio al 27 giugno 2021
    • Palazzo Pallavicini
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BolognaToday è in caricamento