Concerti San Donato / Via Libia

Concerto benefico per il Ramazzini: grande successo sul palco, ecco chi abbiamo applaudito

Un giro di domande agli artisti che si sono esibiti sul palco del Dehon per l'Istituto Ramazzini: tanti applausi per loro e per la buona causa

Grande successo per la serata "Note in Cirenaica" al Teatro Dehon: la soddisfazione degli organizzatori è data dal fatto che lo scopo è benefico. Una platea importante e attiva, che ha applaudito gli artisti sul palco per il Ramazzini: MARCO SBARBATI, THE HANGOVERS, ALTER ECHO STING BAND, ANDREA POLTRONIERI, FRANCESCA MENGOZZI, STEFANO COLLI.  Agli artisti abbiamo rivolto alcune domande.

ANDREA POLTRONIERI

Cosa significa per te suonare per il Ramazzini?
E’ un onore per me poter contribuire alla raccolta fondi destinata a questa struttura che opera per il bene della gente.
Qual è attualmente il panorama musicale bolognese?
Mi sembra sempre molto vivo e pieno di talenti
E' quasi Sanremo...per chi farai il tifo?
Sanremo non rientra nei miei gusti soprattutto quest'anno dove non vedo molto che mi possa interessare
Quale artista ti ha insegnato direttamente o indirettamente di più?
Lucio Dalla in primi poi i Beatles e Peter Gabriel.

MARCO SBARBATI
Cosa significa per te suonare per il Ramazzini?
Suonare per il Ramazzini è una bella opportunità per unire una cosa bella come la musica, ad un'importante causa come quella della ricerca nella lotta contro il cancro. Magari i giovani si sentono poco vicini a questo tema, ma credo che l'argomento indirettamente tocchi tutti noi quindi perché non usare la musica per coinvolgere più ragazzi possibili?

Qual è attualmente il panorama musicale bolognese?
Ultimamente, tralasciando le volte in cui vado a suonare in piazza, mi sembra che la situazione della musica live sia un po' ferma. Non so bene quali siano i motivi precisi di questa situazione, però ho notato che alcuni locali storici di Bologna hanno smesso di fare esibire le band e gli artisti emergenti. Forse i gusti delle persone stanno cambiando, o forse mancano i soldi, capire cosa stia accadendo non è facile. Per questo motivo credo molto nell'arte di strada, è un tesoro che la città di Bologna dovrebbe custodire con cura.

E' quasi Sanremo...per chi farai il tifo?
Ammetto che non guardo molta televisione, quindi di conseguenza nemmeno Sanremo. Quest'anno farò tifo per The Niro, tra i "giovani" (anche se è in giro da tantissimo tempo), e Gualazzi.

Quale artista ti ha insegnato direttamente o indirettamente di più?
Da un punto di vista musicale sono tanti gli artisti che mi hanno insegnato delle cose, troppi per poterli scrivere tutti. Mi piace la riservatezza di artisti come Guccini, Elisa e Damien Rice. Quando mi accorgo che un artista passa più tempo a fare foto per i giornali piuttosto che a suonare, un po' mi fa pensare che forse la musica non è il suo fine principale. Gli artisti citati mi sembrano molto veri, quindi oltre ad amare la loro musica, mi piacciono anche come persone.

ROBERTA ARDITO (ALTER ECHO STRING BAND)
Cosa significa per te suonare per il Ramazzini?
Crediamo sia giusto dare il nostro contributo al Ramazzini perche? ci riteniamo molto fortunate a poter fare qualcosa che ci piace e volevamo restituire alla vita la fortuna che ci ha donato
E' quasi Sanremo...per chi farai il tifo?
Sanremo e? una vetrina meravigliosa sia per le nuove leve sia per i grandi big italiani. Il nostro calendario e? talmente fitto che non riusciremo a seguirlo, ma ha sempre un posto d'onore nel nostro cuore, tanto che abbiamo riservato una data per viverne l'emozione da vicino: molto vicino!!
Quale artista ti ha insegnato direttamente o indirettamente di più?
Ogni artista con il quale abbiamo lavorato ci ha insegnato cose diverse: dall'approccio alle emozioni dirette e violente che solo il palco puo? dare, alla gestione meramente organizzativa dell'evento al quale si partecipa, dai Pooh ai Baustelle, ognuno ci ha donato un visione della musica diversa che noi... con le nostre caratteristiche individuali cerchiamo di riflettere in un caleidoscopio di emozioni!

STEFANO COLLI
Cosa significa per te suonare per il Ramazzini?
Credo che l’Istituto Ramazzini sia una realtà fondamentale e molto preziosa per il nostro territorio e non solo. Ha raggiunto traguardi importantissimi…è una grande piacere poter dare il mio contributo.
Qual è attualmente il panorama musicale bolognese?
Bologna ha sempre dimostrato di essere una città ricca di talenti, non per niente nel 2006 è stata dichiarata dall’UNESCO Città Creativa della Musica. Però ho l’impressione che negli ultimi anni sia cambiato qualcosa, che venga dato meno spazio alla musica emergente, questo mi dispiace molto e mi auguro che le cose possano cambiare di nuovo.
E' quasi Sanremo...per chi farai il tifo?
Seguo il Festival di Sanremo da quanto ero piccolo, per me è un appuntamento ormai immancabile, un palcoscenico che ogni cantante sogna di poter calcare un giorno. Quest’anno farò il tifo per Noemi e Arisa…però naturalmente voglio prima ascoltare le canzoni!
Quale artista ti ha insegnato direttamente o indirettamente di più?
Sono tanti gli artisti da cui ho tratto insegnamenti e “rubato” qualcosa. Ma credo che il vero obiettivo di un cantante sia quello di fare emergere la propria personalità artistica. Ad ogni modo per quanto riguarda il panorama italiano stimo enormemente Niccolò Fabi, ma anche Glen Hansard, Damien Rice e Michael Bublè.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concerto benefico per il Ramazzini: grande successo sul palco, ecco chi abbiamo applaudito

BolognaToday è in caricamento