Lunedì, 14 Giugno 2021
Concerti Navile / Via Stalingrado

Chiude Strummer Live Festival: enorme successo di pubblico, con polemica sui decibel

Evento all'ormai "ex-Parco Nord". Gli organizzatori "Proveremo a farlo diventare un appuntamento annuale". Qualche lamentela per la musica alta: "Mandateli a suonare nella giungla"

"Era dal 2001/2003 che non si vedeva l'Arena cosi piena di gente con tanta voglia di godersi una giornata tra musica", scrivoono i fans su Facebbok "spero che questa giornata segni la rinascita dei Festival in Italia, perchè allo Strummer Live Festival si è respirato il vero clima del vecchio Indipendent day... Forse perchè semplicemente è stato organizzato da gente che ha messo davanti a tutto la passione prima dei propri interessi..."

GLI ORGANIZZATORI TIRANO LE SOMME.  Una tre giorni da 35mila persone per il primo parco al mondo dedicato a Joe Strummer, storico leader dei Clash, morto alla fine del 2002 per un attacco cardiaco ad appena 50 anni. I Clash tennere un concerto in Piazza Maggiore il 1° maggio del 1980. "E sommando i numeri del 3 e 4 luglio, che hanno avuto come headliner rispettivamente Goran Bregovic e Manu Chao, con le prevendite e le previsioni per questa terza giornata, segnata dalla presenza di Alborosie, il risultato fa 35.000... È un risultato strepitoso, che va oltre ogni nostra aspettativa” ha dichiarato Lele Roveri, patron del Festival “Bologna si conferma città del rock, capace di organizzare grandi eventi e di attirare migliaia di persone da tutta Italia e dall’estero. Proveremo a fare dello Strummer Live Festival un appuntamento annuale –promette- continuando a coinvolgere le migliori espressioni del rock, del punk e in generale della musica da tutto il mondo, che promuova messaggi di impegno e attenzione sociale.” Strummer Live Festival è stato organizzato da Estragon in collaborazione con Studio’s e Musicando ed è inserito nella programmazione di BE' bolognaestate 2013 del Comune di Bologna.

LA GIUNGLA LORO HABITAT NATURALE. Sulla fan page di Facebook, l'organizzazione ha voluto pubblicare anche il dissenso: "Abitando nei pressi del parco nord vorrei farvi notare che ieri sera per il concerto del presunto artista MANU CHAU ( io lo manderei tranquillamente a lavorare in miniera ) avete abbondantemente sforato i decibel tanto che i vetri delle finestre di casa mia che, per inciso sono in ottimo stato, vibravano come se ci fosse un'altro terremoto. Adesso sento le prove di altri artisti,  si fa per dire ,che si esibiranno stasera con tamburi tribali e cose simili e spero vivamente che il volume venga ragionevolmente abbassato. MAGARI PER IL PROSSIMO ANNO MANDATELI A SUONARE NELLA GIUNGLA CHE E' IL LORO HABITAT NATURALE"

GLI ORGANIZZATORI RISPONDONO. "Abbiamo rispettato sia i limiti dei suoni che quelli dei tempi. A mezzanotte, come da autorizzazione, il concerto è finito, e i Db non sono mai stati sforati".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiude Strummer Live Festival: enorme successo di pubblico, con polemica sui decibel

BolognaToday è in caricamento