Suona francese - Festival di musica francese in Italia

Come di consueto torna il Festival SUONA FRANCESE, ormai con cadenza annuale, promosso dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica Musicale, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ed è organizzato dall'Ambasciata di Francia in Italia in collaborazione con L'Institut françaisecon il sostegno della Fondazione Nuovi Mecenati, fondazione franco - italiana per la creazione contemporanea, e della SACEM - Société des Auteurs, Compositeurs et Editeurs de Musique.

Secondo la formula già collaudata negli anni passati, Suona francese coinvolge nella sua programmazione sia importanti Enti di produzione (fra i tanti l'Auditorium di Roma e il Teatro alla Scala), sia diverse associazioni musicali. Uno degli elementi cardine della rassegna sono i Conservatori italiani, che partecipano con concerti e masterclass.

Anche il Conservatorio "G. B. Martini" aderisce all'iniziativa con momenti distinti: gli obiettivi sono quelli di presentare anche a Bologna uno spaccato della produzione francese, sensibilizzando il pubblico e gli studenti a modalità espressive e produttive diverse da quelle normalmente praticate.

Programma del concerto

Matteo Franceschini, Le bechete per voce sola (2009)

(1979)

Stefano Gervasoni, Folia per violino solo (2012)

(1963)

Ivan Fedele, Paroles… due pezzi per voce e viola (Allons - Ça ira) (2000)

(1953)

Giacinto Scelsi, Pwyll per flauto solo (1954)

(1905/1988)

Eric Tanguy, Le désir est partout per flauto e violino (1996)

(1968)

Alessandro Solbiati, To whom? per voce sola (2009)

(1956)

Giacomo Platini, Silence, notturno a tre voci per voce, flauto e viola (2002)

(1967)

Elisa Bonazzi, mezzosoprano

Giulia Biffi, flauto

Michele Foresi, violino e viola

Anche quest'anno il tema centrale è costituito dauna panoramica di autori italiani, del secondo '900 ed oltre, che hanno instaurato con la Francia uno speciale lien, estetico o professionale. Fa corona all'illustre antesignano Giacinto Scelsi una pattuglia di compositori appartenenti a generazioni diverse, in un ventaglio di scelte linguistiche e di intenzioni musicali ed "espressive" ricchissimo. Completa il programma un francese DOC, Eric Tanguy, già allievo di Radulescu e Grisey e vincitore del Prix de Rome nel 1993.

L'ingresso al concerto è gratuito!

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Tecnico per la promozione turistica specializzato nella progettazione e distribuzione di itinerari sostenibili

    • Gratis
    • dal 28 settembre 2020 al 30 luglio 2021
    • Nuovo Cescot ER
  • “Criminis Imago. Le immagini della criminalità a Bologna”: la mostra riapre a febbraio 2021

    • dal 1 febbraio al 27 giugno 2021
    • Santa Maria della Vita
  • Resilienze Festival 2020-2021: "​Legami Invisibili​"

    • Gratis
    • dal 8 settembre 2020 al 31 maggio 2021
    • Vari luoghi
  • Vittorio Corcos, "Ritratti e Sogni": la mostra a Palazzo Pallavicini

    • dal 2 febbraio al 27 giugno 2021
    • Palazzo Pallavicini
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BolognaToday è in caricamento