Sabato, 25 Settembre 2021
Eventi

I 10 eventi da non perdere questo weekend

La festa del gelato, un omaggio a Amy Winehouse, splendide proiezioni fra Piazza Maggiore e la Barca, l'apertura di una nuova mostra e tanti eventi all'aperto: le proposte di questo weekend a Bologna e dintorni

Tutti i cinque sensi saranno convolti in questo fine settimana bolognese. Il caldo si fa sentire e le serate all'aria aperta prolificano in tante zone della città e in tutta la provincia, tra film sotto le stelle, concerti all'aria aperta, locali e una golosissima manifestazione dedicata al gelato artigianale. Bologna insomma continua ad avere tanto da offrire, sempre rispettando le precauzioni anti-Covid. 

Bologna Estate C'è: la rassegna dell'estate 2020

Ecco i 10 eventi da non perdere questo fine settimana: 

1. Sotto le stelle del cinema: le proiezioni di venerdì, sabato e domenica 

Venerdì 24 luglio ore 21:30 in Piazza Maggiore e al BarcArena "Il traditore" (Ita-Fra-Ger-Bra/2019) di M. Bellocchio (148'); sabato 25 luglio ore 21:30 Pink Floyd – The Wall (GB/1982) di A. Parker (95'); domenica 26 luglio ore 21:30 Nico, 1988 (Ita/1917) di S. Nicchiarelli (93'). Per il ventiseiesimo anno Sotto le Stelle del Cinema ci sarà e non solo in Piazza Maggiore, ma anche alla BarcArena (alla stessa ora, lo stesso film verrà proiettato nei due luoghi). Quest’anno, però, per godere della programmazione gratuita di Sotto le Stelle del Cinema, dovremo, tutti, rispettare le regole anti-Covid19 e quindi dovremo prenotare per tempo il nostro posto.

2. Fine settimana a Porta Pratello: cinema, musica e aperitivi nella corte

Il weekend va così: venerdì 24 luglio dalle 18.00 alle 20.00 appuntamento del laboratorio “Cuccette per signore. Percorso teatrale, di narrazione e artigianato contro le diseguaglianze di genere - a cura di Cantieri Meticci.  Alle 21.30 la presentazione e video-proiezione di un altro reportage fotografico collettivo che ha raccontato l’Italia nei mesi di lockdown: è la volta, infatti, di Arcipelago-19, che sarà presentato dai curatori e co-autori del progetto Max Cavallari e Michele Lapini. 

Sabato 25 luglio alle 19 30 secondopettacolo di Stand Up Comedy organizzato dall’Associazione Reverso.   A seguire  Live Set funky, soul e hip-hop con Dj Ciups.  Cassa Comune è aperta dalle 18.00 alle 23.30, dal giovedì al sabato, fino al 1 agosto. La rassegna nasce con l’obiettivo di sostenere progetti di mutualismo e solidarietà che sono nati in questi mesi e di creare nuove risposte ai bisogni emersi dalla crisi determinata dall’emergenza Covid. 

3. "Icone di Scienza, Autobiografie e ritratti di naturalisti bolognesi della prima età moderna"

Una nuova mostra in città a partire da questo fine settimana. "Icone di Scienza, Autobiografie e ritratti di naturalisti bolognesi della prima età moderna", è la mostra organizzata dal Sistema Museale di Ateneo (SMA), dalla Biblioteca Universitaria di Bologna (BUB) e dal Dipartimento di Filosofia e Comunicazione (FILCOM), aperta al pubblico dal 25 luglio al 30 settembre.

L'obiettivo della mostra Icone di scienza è quello di ripercorrere la storia della scienza, a Bologna, nella prima età moderna attraverso le autobiografie e i ritratti dei suoi principali protagonisti. La scelta di tale angolazione storica è in primo luogo giustificata dalla presenza presso l’Università di Bologna di un’eccezionale collezione di quadri, recentemente catalogata da Giulia Gandolfi, che da un lato testimonia un legame caratterizzante con l’Istituto delle scienze e dall’altro rivela una notevole galleria di medici e scienziati. A questa preziosa documentazione iconografica si affiancano altri documenti non meno importanti, costituiti da medaglie, sculture, monumenti lapidei, epigrafi, libri, album, manoscritti e lettere, che mostrano come i naturalisti bolognesi, dal Rinascimento alla fine del Settecento, avessero elaborato sofisticate tecniche di autorappresentazione alle quali attribuivano grandissima importanza per migliorare o affermare l’eminenza della propria reputazione. Il filo rosso che accompagna i 105 pezzi esposti in mostra illustra le modalità attraverso le quali i protagonisti di questa storia vollero apparire ai propri contemporanei ed essere ricordati dai posteri. L’occasione offerta dall’indagine storica del fenomeno dell’autorappresentazione dello scienziato ha ispirato l’idea di ripensare in modo meno transitorio la collocazione attuale dei ritratti esposti presso il Museo di Palazzo Poggi, il Rettorato e la Biblioteca Universitaria. Grazie alla fattiva collaborazione degli enti coinvolti, la mostra interviene sul percorso espositivo esistente proponendo un ordine da cui potranno riemergere i lineamenti delle vite di uomini, donne e istituzioni che hanno animato le feconde stagioni della storia della scienza bolognese. La mostra sarà visitabile dal martedì alla domenica, con visita guidata su prenotazione.

Tutti gli eventi del weekend QUI

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I 10 eventi da non perdere questo weekend

BolognaToday è in caricamento