rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022

Erika Bertossi

Collaboratrice cronaca ed eventi

Guida a questo primo weekend di novembre

Amore, musica, ingressi gratis al museo, sapori e colori del territorio perfetti per piccole gite domenicali: il 5 e 6 novembre, due giorni carichi di cultura e intrattenimento

Un fine settimana dal clima autunnale. Foliage e cambio dell'armadio dopo un ottobre praticamente primaverile? Non guardiamo il meteo e prendiamo quello che viene, tanto ormai gli eventi all'aperto sono (quasi) finiti e le nostre serate le trascorriamo nei locali, al cinema, a teatro o a un concerto. A proposito di musica, archiviato il live dei The Cure, fra qualche giorno è il momento di Cesare Cremonini, che farà una serie di concerti all'Unipol Arena a partire da lunedì sera. 

Per gli appassionati di sagre questo è decisamente un momento buono. A Imola fino al 13 novembre c'è il “Baccanale” e quest’anno è dedicato ai “Ripieni”, che saranno protagonisti di incontri, degustazioni, laboratori e mostre. A novembre c'è anche il tradizionale appuntamento con il "Cioccoshow" a Bologna (17-20 novembre), a Crevalcore tornano la Festa del Ringraziamento e la festa dei sapori (19-20 novembre) e a San Pietro in Casale c’è la Sagra del bollito (10-13 e 17-20 novembre).

MEMO #domenica al museo (gratis!): come ogni prima domenica del mese il 6 novembre 2022 la Pinacoteca Nazionale di Bologna sarà aperta dalle ore 10.00 alle ore 19.00, con ingresso gratuito per tutti i visitatori nell’ambito dell’iniziativa del Ministero della Cultura “Domenica al Museo”. Nella stessa giornata, dalle ore 10.00 alle ore 18.00, anche Palazzo Pepoli Campogrande sarà aperto in via straordinaria, ugualmente con ingresso gratuito.

Una curiosità? Per gli appassionati (ma anche gli incapaci come me) del Cubo di Rubik, a Crevalcore c'è un evento davvero molto particolare: è la competizione in velocità dedicata a questo coloratissimo grattacapo. La volta buona per imparare a completare almeno due lati del cubotto. 

I concerti di novembre da non perdere

Arte a Bologna: le mostre più belle di novembre 

Ecco i 10 eventi da non perdere questo weekend: 

1. "Che fatica l'amore"

(per una serata amore+musica)

Sabato 5 novembre lo spettacolo "Che fatica l'amore" in scena al teatro del Navile. Paolo Piermattei ritorna al Teatro del Navile per parlare dell'Amore, tema portante del suo disco "Le voci del piano di sopra" e per raccontare la genesi del videoclip "Che fatica l'amore". Insieme a lui sul palco del "Teatro di Lucio", ci saranno Giulia Olivari, cantautrice, Roberto Comastri e il Generatore di Tensione. Nino Campisi per l'occasione recita alcuni scritti e versi immortali sull'amore.

2. La Famiglia Addams: la musical comedy in scena al Fanin

(per chi è sempre in modalità Halloween!)

Halloween è passato, ma non per tutti! Prendendo spunto dalla vignette dei personaggi creati dal fumettista Charles Addams, nasce negli anni ’60 “The Addams Family”, la serie televisiva in bianco e nero andata in onda prima sul network televisivo americano ABC e a seguire anche in Italia. Ed è proprio a questa che si ispira la Compagnia della Corona scegliendo di mettere in scena, per gli amanti del black humour, questa divertentissima musical comedy nata dalla penna e dall’estro degli autori Marshall Brickman, Rick Elice ed Andrew Lippa e che ha visto il debutto nel 2010 a Broadway con Bebe Neuwirth e Nathan Lane nei panni dei bizzarri coniugi Morticia e Gomez Addams.

3. "Vite straordinarie": Nadia Boulanger al San Filippo Neri 

(per chi vuole conoscere una donna che ha influenzato il XX secolo)

Musica Insieme conclude il ciclo Vite straordinarie con la prima pellicola mai realizzata da Bruno Monsaingeon, regista di riferimento per i suoi preziosi docu-film sui grandi Maestri della musica. Ne è protagonista Nadia Boulanger (1887-1979), di cui Monsaingeon coglie l’essenza tanto severa quanto illuminata dall’ispirazione, lasciandoci un documento ad oggi ancora fra i più importanti sulla leggendaria compositrice, direttrice d’orchestra e didatta parigina. Anche grazie alle testimonianze di alcuni fra i suoi più celebri discepoli, come Leonard Bernstein e Igor Markevitch, e a rari fotogrammi dei suoi “Mercoledì” musicali, a cui partecipavano allievi provenienti da tutto il mondo, emerge il ritratto di una donna che ha influenzato profondamente la vita culturale del XX secolo.Ingresso gratuito fino ad esaurimento disponibilità. È consigliabile la prenotazione scrivendo a info@musicainsiemebologna.it o telefonando allo 051 271932.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Guida a questo primo weekend di novembre

BolognaToday è in caricamento