menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I 10 eventi da non perdere questo weekend

Settembre è arrivato, un po' di aria fresca preannucia la fine dell'estate, ma Bologna fiorisce come sempre di appuntamenti culturali appetitosi dalle mostre ai concerti, con molte serate all'aperto

8. Kafka: lettere a Milena,  concerto teatrale al Cortile del Baraccano

Domenica 6 settembre nel Cortile del Teatro del Baraccano Kafka: lettere a Milena concerto teatrale per ATTI SONORI, Museo Ebraico di Bologna, Goethe-Zentrum, Ambasciata della Repubblica Ceca, Associazione culturale Lucerna, Centro Ceco Roma. 

“Un libro dev’essere l’ascia per rompere il mare di ghiaccio che è dentro di noi”
Ein Buch muß di Axt sein für das gefrorene Meer in uns
Franz Kafka

Kafka ai tempi del Corona virus! Sembra già una beffa in pieno stile Kafkesko. Ed invece no. È la realtà. È quello che ci è successo e che sta per succedere anche a voi che state finalmente di nuovo seduti, finalmente di nuovo insieme nello stesso spazio, nello stesso tempo e di fronte alla stessa storia condivisa con noi attori e  musicisti. La storia non poteva che essere una storia d’amore. Fragile e crudele, impossibile ed eterna come solo Kafka riesce ad immaginarne e a viverne.
Queste lettere a Milena son un continuo gioco a nascondersi e a svelarsi per vaghe allusioni. Solo che Milena è troppo intelligente perseverante e sensibile per restare al gioco. Qui i due innamorati si spingono a svelarsi, a mettersi a nudo come mai ad entrambi forse era accaduto. Il tutto in un tempo, che è denso di cupi presagi e di cambiamenti radicali e nefasti. L’Europa che trema sotto i loro piedi si tinge di nero, tutto vacilla: l’ordine delle cose; la conoscenza fin lì acquisita; ed infine anche il loro amore.
Kafka -irriducibile alla vita- è l’unico di cui leggiamo le lettere; le risposte di Milena possiamo solo immaginarle, intuirle e sarebbe interessante inventarle di sana pianta. (leggi tutto)  – Rosario Tedesco.

Ore 21:15 Ingresso
Biglietto unico 10€

9. Cinema da Oscar: Tarantino e "C’era una volta a Hollywood"

Appuntamento con il grande cinema il 5 settembre all'Arena Puccini. Arriva Quentin Tarantino con il film "C’era una volta a Hollywood"con Leonardo DiCaprio, Brad Pitt, Margot Robbie. Premio Oscar 2020 per miglior attore non protagonista e migliore scenografia, Golden Globe per miglior film commedia, miglior attore non protagonista e miglior sceneggiatura. Los Angeles, 1969. Sharon Tate, promettente attrice americana e sposa di Roman Polanski, è la nuova vicina di Rick Dalton, star della televisione in declino. Dalton condivide la scena con Cliff Booth, stuntman che si è fatto (e rotto) le ossa nei western girati a Spahn Ranch. Controfigura e chauffeur di Dalton, Cliff vive in una roulotte con una cane disciplinato e fedele proprio come lui, che da anni ammortizza le cadute e i rovesci dell'amico. E l'ultimo scacco costringe Rick e il suo doppio a traslocare dall'altra parte dell'oceano per girare un pugno di spaghetti-western. Sei mesi e una moglie (italiana) dopo, Rick e Cliff tornano a Los Angeles dove li attende la notte più calda del 1969.

10. Sotterraneo: "La Repubblica dei bambini"

Appuntamento al Giardino del Cavaticcio sabato 5 settembre alle ore 21:30 con la Compagnia segnalata del Premio Scenario 2005 Spettacolo vincitore del Premio Eolo 2012. Nell’ambito del Progetto Focus Sotterraneo promosso da Agorà e Ater Circuito regionale multidisciplinare/Teatro Comunale Laura Betti in collaborazione con Scenario Festival, Emilia Romagna Teatro Fondazione, Ateliersi, Trasparenze Stagione, Ravenna Teatro.
Esistono nel mondo alcune “nazioni in miniatura”. Piattaforme petrolifere abbandonate, isole o piccole porzioni di terraferma dove non vige alcuna giurisdizione o controllo politico-militare e dove alcuni soggetti, preso il controllo del territorio, hanno emanato proprie leggi, coniato una nuova moneta, strutturato proprie istituzioni e avviato rapporti con territori vicini. Qui l’esercizio di cittadinanza può ripartire da zero, porsi domande originarie sul fare società e rispondere con modalità inedite. Si parte dalla scena teatrale come piattaforma vuota su cui costruire una micro nazione. Due attori irrompono sulla scena e cominciano a progettare il loro paese in miniatura. Servono delle leggi. Servono dei luoghi. Servono delle cose. Si parte da zero, tutto è da costruire, liberi di costruirlo come vogliamo. La micro nazione è una scena vuota, deserta, che lentamente si popola e riempie, magari anche degli stessi elementi che compongono il panorama teatrale (luci, musiche ecc.) oppure di segnali che diano regole (cartelli, striscioni ecc.) di modo che ai bambini sia dato vedere come da un vuoto si possa edificare una Polis. L’incognita è sul tipo di Polis. In questo quadro il coinvolgimento diretto dei bambini pare un necessario rovesciamento. I bambini non dispongono solitamente di potere diretto. Sui bambini non gravano responsabilità. I bambini vivono in un mondo normativo, fatto di ordini, obblighi e divieti. È nella natura delle cose, che il vecchio guidi il fanciullo. E del resto il fanciullo non potrebbe decidere su cose di cui non ha ancora fatto esperienza. Nel costruire una nazione in miniatura proviamo a dotare i bambini di un potere inedito e fatto su misura. Sullo sfondo un piccolo luogo deserto in cui dar vita a una società, Robinson Crusoe ma anche il serial Lost, e naturalmente Il signore delle mosche di Golding.
Si tratta di una piccola Cosa Pubblica, si tratta di uno spettacolo teatrale dove la finzione è evidente perché è il motore dell’immaginazione, si tratta di un paese in miniatura che si spegnerà quando si spegneranno le luci che lo illuminano, ma al tempo stesso si tratta di una possibilità.
Regia affidata a Sara Bonaventura, Iacopo Braca, Claudio Cirri, Daniele Villa | Sotterraneo, scrittura Daniele Villa, con Daniele Bonaiuti e Chiara Renzi, ideazione luci Emiliano Curà, grafica Marco Smacchia produzione Teatro delle Briciole nell’ambito del cantiere Nuovi sguardi per un pubblico giovane, in collaborazione con Fondazione Teatro Metastasio di Prato.  Ingresso libero. 

I migliori eventi gratis di settembre 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

SuperEnalotto, la fortuna bacia Bologna: centrato un '5'

Salute

Covid19, vaccini dal medico di base: quello che c'è da sapere

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento