Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Premio Renner, vince il Prometeo rosso di Daniele Castellano | VIDEO

Seconda edizione, dopo il successo dello scorso anno, in concomitanza con Arte Fiera e Art City

 

È il Prometeo di Daniele Castellano il vincitore del premio Renner 2020 dedicato ai giovani illustratori. Un’immagine che l’artista stesso definisce “cupa, dai toni scuri”, ma grazie alla quale si è aggiudicato i 10mila euro del concorso indetto dal colosso delle vernici di base a Minerbio.

Attorno all’opera, le altre 40 illustrazioni che hanno interpretato il tema dell’anno, il colore rosso, tra cui anche “La vera pausa della vita moderna” che è valsa a Davide Panizza, classe 1992, una menzione speciale da mille euro.

Le illustrazioni sono state selezionate da una giuria composta da Giuseppe Palumbo, Ginevra Bria, Stella Di Meo, Simone Sbarbati, Sara Manfredi e Lindo Aldrovandi e sono state esposte, visitabili gratuitamente, nel piccolo teatro-locale AtelierSì durante le giornate di Art city-Artefiera.

Il Rosso

Dopo il buon successo dell’anno precedente con il tema “Azzurro”, vinto da Michele Cazzaniga, Renner fa dunque il bis e replica con “Rosso”, l’edizione di quest’anno, che ha visto 528 artisti under 40 rispondere alla call dell’azienda. Con un evento riservato agli artisti, è stata inaugurata ieri sera la mostra ‘sospesa’, caratterizzata dal fatto che tutte le opere sono appunto sospese in aria, appese per un filo che va fino al soffitto. Opere tra le quali svetta il Prometeo di Castellano.

“Mi ricordavo di un libro di mitologia greca, uno dei classici letteratura illustrata degli anni ’70-’80 e ho deciso di disegnare un classico completato un po’ in modo surreale- spiega l’artista Castellano, classe 1989, insegnante, illustratore e fondatore del collettivo ‘Ufficio misteri’- volevo che ci fosse questa luce che nel buio colpisce il corpo del personaggio e l’ambiente circostante. Volevo creare un’atmosfera cupa, un momento in cui c’è qualcuno che disobbedisce agli dei, quindi è un momento con una tensione drammatica molto alta, e ho voluto rappresentarla così”.

La vittoria, confessa, “è stata una sorpresa, non me l’aspettavo assolutamente anche perché è un’opera come vedete molto scura e di solito nell’illustrazione le cose nere difficilmente vincono”. Archiviato lo stupore, però, è tempo di programmi: “Per quanto riguarda il premio (10.000 euro, ndr) i piani sono ovviamente di investirli e avere il tempo di dedicarmi a qualche lavoro a cui non ho ancora potuto dedicarmi. Poi fare sicuramente un viaggio in viaggio che non faccio ormai da molto tempo, probabilmente in Asia nel sud-est asiatico”.

Un’immagine “rosso rivolta” che “degnamente rappresentava il primo premio”, spiega Giuseppe Palumbo, presidente della giuria. “Un illustratore riesce in un mondo dominato dalle immagini a dare un’interpretazione del reale che esula della pura rappresentazione realistica. Ormai siamo tutti capaci di fare una foto, di farsi un selfie… credo che gli illustratori siano una risorsa in più in questo senso, possono offrire uno sguardo diverso e creare immagini che veramente danno qualcosa di più al fruitore, quindi dopo il predominio della fotografia penso che sia il momento che l’illustrazione torni a essere protagonista. Da quello che vedo mi sembra che il clima sia quello giusto”. 

Il premio

Una scelta, quella di istituire un premio basato sull’illustrazione, ben precisa da parte di Renner, presente con l’amministratore delegato e Alberto Cocchi, cofondatore dell’azienda e attuale vicepresidente del cda. “Illustrazione perché è appunto un’espressione di quello che è la creatività più accessibile- spiega Cocchi- da quando siamo bambini con una matita possiamo creare un mondo immaginario che cerchiamo di portare allo stesso tempo nel mondo reale attraverso la reificazione del gesto pittorico. Devo dire che il risultato è stato eccezionale. Questi ragazzi sono veramente bravissimi, scegliere un vincitore è stato difficilissimo. Per noi il colore è una cosa veramente fondamentale, e quale modo migliore per celebrarlo attraverso l’espressione creativa di 40 ragazzi, che per me, ripeto, sono 40 vincitori”.

Un modo come un altro per valorizzare la creatività, perchè “noi crediamo che il processo creativo sia un processo che apre le porte del suo futuro- prosegue Cocchi- cerchiamo di avere le porte aperte verso il futuro per i prodotti che creiamo, ma anche in quello che cerchiamo di dare all’interno delle case, dove cerchiamo di eliminare i solventi, cerchiamo di lavorare solamente con l’acqua. Quindi lavorare sempre con un messaggio assolutamente ecologico, e non perché è di moda oggi”. Come per l’anno scorso, la direzione artistica dell’iniziativa è stata affidata a Cheap, il progetto di promozione della street art come strumento di rigenerazione urbana e indagine del territorio, ormai conosciuta per via dei poster artistici e di denuncia disseminati periodicamente in città. (Dav/Dire)

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento