Vicoo - visioni cooperative "Sotto le stelle del cinema" in piazza Maggiore

Ghedini: Accoglienza e integrazione delle persone sono valori non negoziabili ● Gamberini: Consolidiamo la partnership con la Cineteca, eccellenza bolognese

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Ad un anno esatto di distanza dalla prima edizione, le Visioni Cooperative tornano in Piazza Maggiore, per la serata che Legacoop Bologna promuove attraverso Vicoo, il laboratorio di idee per lo sviluppo e l'innovazione di imprese, comunità e territorio.

Legacoop Bologna ha rinnovato la partnership con la Cineteca di Bologna, avviata lo scorso anno in occasione delle celebrazioni per i 70 anni della nascita dell'associazione.

Nell'ambito dell'evento Vicoo Sotto le Stelle del Cinema,  proiettato Fuocoammare, Orso d'Oro al Festival di Berlino 2016. La serata stata aperta da un intervento del regista Gianfranco Rosi, sul palco assieme al direttore della Cineteca di Bologna, Gianluca Farinelli, e alla presidente di Legacoop Bologna, Rita Ghedini.

"Nel percorso che abbiamo fatto con Vicoo, il laboratorio di idee di Legacoop Bologna sulle traiettorie di sviluppo future della cooperazione, ci siamo confrontati con i temi delle migrazioni e dell'accoglienza: per la cooperazione sono valori irrinunciabili - dichiara Rita Ghedini, presidente di Legacoop Bologna - Costruire pari opportunità per le persone che vivono in un territorio è un obiettivo della cooperazione, cerchiamo di farlo concretamente ogni giorno attraverso il lavoro di migliaia di soci delle cooperative sociali. Quello del lavoro è un tema centrale per una politica di inclusione che sappia beneficiare delle risorse economiche e culturali, che i nuovi cittadini italiani portano nel nostro Paese. Da anni le cooperative sono impegnate nel facilitare l'integrazione di migranti, attraverso il lavoro, che è lo strumento principale per garantire autonomia, dignità e futuro alle persone. Da tempo il mondo della cooperazione è presente con progetti di formazione per i bambini, molto utili perché si interviene su una fascia d'età priva di pregiudizi e non influenzata da stereotipi. Alcune cooperative bolognesi, inoltre, sono state protagoniste a Lampedusa della nascita del Museo della Fiducia e del Dialogo per il Mediterraneo. Da tutto ciò si evince la nostra scelta di Fucoammare come proiezione per le Visioni Cooperative di questo anno".

Per Legacoop Bologna va superata la logica emergenziale nell'accoglienza dei migranti. "Occorre superare le risposte emergenziali nell'accoglienza dei migranti - conclude Rita Ghedini - Ci troviamo in una condizione ordinaria e non straordinaria".

Legacoop Bologna ha consolidato il rapporto con la Cineteca di Bologna nell'intento di dare supporto ad una delle istituzioni che dà maggiore contributo alla qualificazione culturale della città e un notevole contributo alla proiezione internazionale di Bologna.

"Abbiamo rinnovato la partnership con la Cineteca di Bologna, iniziata lo scorso in occasione dei 70 anni di Legacoop Bologna. Quella serata l'abbiamo chiamata Visioni Cooperative e da lì è partito Vicoo, il laboratorio di idee sul futuro della cooperazione - dichiara Simone Gamberini, direttore generale di Legacoop Bologna - In questo percorso ci siamo confrontati più volte sull'importanza della cultura e dell'internazionalizzazione per le cooperative bolognesi, ma direi per tutto il sistema economico locale. La Cineteca, in questi settori, è un caso d'eccellenza apprezzato a livello internazionale, per questo ci siamo impegnati a consolidare il supporto alle sue attività".

I più letti
Torna su
BolognaToday è in caricamento