Decadence, il party "Solve et coagula"

Sabato 2 febbraio 2019 dalle 23 DECADENCE: SOLVE ET COAGULA. Un grande party con la performance dei polacchi Suka Off e il dj set di Adriano Canzian per festeggiare 14 anni di libertà, diversità e cultura estrema

Per festeggiare i propri 14 anni, Decadence riporta a Bologna il collettivo polacco Suka Off con le sue discusse performance e l’iconico producer Adriano Canzian.
Goth, fetish, musica electro, esposizioni d’arte, installazioni video, couples’ room, play area e tanti altri dj set accoglieranno poi chi anche solo per una notte vuole abbandonare il mondo esterno e trasgredire – sempre nel rispetto altrui.

SUKA OFF è un collettivo di artisti polacchi che lavora con arti performative, teatro visivo, installazione, fotografia, video e musica. È stato fondata nel 1995 da Piotr Wegryzynski (artista visivo e performer) e Sylvia Laibjg (filologa e performer). I temi ricorrenti nelle loro opere riguardano la carnalità in tutti i suoi aspetti biologici e fisiologici, utilizzata per ridefinire il concetto di genere. Attraverso fluidi sintetici, sofisticati dispositivi elettronici e sostanze solide, cercano di indagare i meccanismi della natura umana, il virus della violenza e della paura, seguendo un'estetica postindustriale attraverso lo scontro tra il corpo umano e gli elementi innaturali. 

Sono trascorsi più di quindici anni da quando, ancora giovane e al debutto, Adriano Canzian divenne il primo e unico produttore italiano nella "factory" di Dj Hell, firmando nel 2003 il suo primo contratto musicale con la mitica etichetta tedesca, Deejay Gigolo Records (nel roster, giusto per citarne alcuni anche Zombie Nation, Fischerspooner, Tiga, Miss Kittin & The Hacker, Vitalic). Icona, remixer, live performer l’artista nativo di Pieve di Soligo, nonostante la fine di quell’esperienza incredibile, è ancora oggi uno dei nomi più importanti dell’elettronica europea. Il suo ultimo “Damned” prosegue sul filone della techno EBM: un lavoro più pulito e meno punk rispetto ai tre precedenti, ma sempre molto dark, realizzato insieme ad altri 12 artisti e amici tra cui Dirty Princess, Atomizer, Terence Fixmer, David Carretta, Gigi Succes, Anna Patrini, Equitant.

Decadence è un movimento culturale unico nel suo genere, nato dall’idea di Carlo Valentine di unire sotto lo stesso progetto più sottoculture alternative e correnti estetiche, che riguardano ambienti e generi musicali differenti. 
Dalle feste – che contemplano ingredienti fondamentali come il dress code, la musica e la scenografia a tema – ai raduni veri e propri è diventato fenomeno di costume tout court, riconosciuto a livello internazionale. Partito da Bologna, ha toccato le città di mezza Europa, talvolta in location suggestive come Ville storiche e Castelli importanti, coinvolgendo un pubblico trasversale, per età, genere ed estrazione sociale. L’unico vero fil rouge è la buona educazione e il rispetto reciproco. 


Dress code: birthday party ,anniversary, gothic, fantasy, punk, fetish, new romantic, black elegant, postpunk, perv glam, latex, bdsm, rubber, bears, dandy, bodyart, rockabilly, drag, trav, real80, bizzarre, burlesque, raver, bbw, animalia, peluche, enlightened, militaria, cyber freak, uniform, moulin rouge, baroque.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Disco&Feste, potrebbe interessarti

I più visti

  • Tecnico per la promozione turistica specializzato nella progettazione e distribuzione di itinerari sostenibili

    • Gratis
    • dal 28 settembre 2020 al 30 luglio 2021
    • Nuovo Cescot ER
  • “Criminis Imago. Le immagini della criminalità a Bologna”: la mostra riapre a febbraio 2021

    • dal 1 febbraio al 27 giugno 2021
    • Santa Maria della Vita
  • Resilienze Festival 2020-2021: "​Legami Invisibili​"

    • Gratis
    • dal 8 settembre 2020 al 31 maggio 2021
    • Vari luoghi
  • Vittorio Corcos, "Ritratti e Sogni": la mostra a Palazzo Pallavicini

    • dal 2 febbraio al 27 giugno 2021
    • Palazzo Pallavicini
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BolognaToday è in caricamento