Eventi Zona Universitaria

Famiglie fragili: tra welfare e giurisdizione: il convegno di cammino a Bologna

Autorità di garanzia, avvocati, docenti universitari, giudici, servizi sociali ed esponenti delle Istituzioni: un coro di voci per discutere delle famiglie che hanno bisogno di sostegno, sociale e giudiziario

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Sembrerebbe paradossale, eppure anche in tempi di libertà conquistate, nuovi diritti e diritti parificati le fragilità personali e sociali all’interno dei contesti familiari sono in trend costantemente crescente. Crisi dei ruoli genitoriali, lontananza dei legami parentali, nuovi linguaggi sociali e morali, tutte conseguenze di una società globalizzata che annulla le distanze logistiche e aumenta quelle personali. Il risultato per tutti -utenti ed operatori- è spesso di disorientamento perché i canoni giuridici, sociali, operativi spesso sembrano non rispondere più alle reali esigenze dell’utenza e alla necessità costituzionale di assicurare pari diritti fondamentali e pari opportunità. Più le situazioni sono connotate da grande fragilità, più per dettato costituzionale debbono essere sostenute, aiutate, potenziate perché ciascuno e soprattutto i soggetti più vulnerabili - e fra i primi i minorenni - vi trovino piena tutela del loro sviluppo. Disorientamento alimentato anche da un sistema di giustizia frammentato tra più giudici, con competenze che vanno ad accavallarsi proprio sui nuclei più fragili, diverse modalità di giudicare, persino diversa composizione e diversi strumenti: una polverizzazione del sistema giustizia che può divenire giustizia negata per una serie di situazioni: da qui le molte condanne all’Italia da parte della Corte di Strasburgo CamMiNo si propone ancora una volta di animare una riflessione corale su questi temi, per formare avvocati -ma non solo- preparati, specializzati, capaci di affrontare le delicate tematiche del diritto delle persone, delle relazioni familiari e dei minorenni, ponendo attenzione anche ad aspetti non prettamente giuridici, come anche ad esempio quelli, sociologici, psicologici, o pedagogici. Il Convegno “Famiglie fragili: tra welfare e giurisdizione”, che si terrà lunedì 3 luglio dalle ore 9,00 alle ore 18,30 presso la Sala Armi di Palazzo Malvezzi, sede della Scuola di Giurisprudenza dell’Alma Mater Studiorum, Università di Bologna, costituisce la giornata conclusiva del Corso di Alta Formazione in Esperti giuridici in materia di infanzia e adolescenza, attivato nell'A.A. 2016/2017 dal Dipartimento di Scienze Giuridiche in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna. La giornata di studi, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Scienze Giuridiche, la Scuola di Giurisprudenza dell’Università di Bologna, la Regione Emilia-Romagna e l’associazione Cammino, si articola in una prima sessione, coordinata dalla Garante per L’Infanzia e l’Adolescenza dell’Emilia-Romagna, Dott.ssa Clede Maria Garavini, e in una seconda coordinata dal Prof. Enrico Al Mureden, Ordinario di Diritto civile nell’Università di Bologna. Il Convegno, a partecipazione gratuita, potrà essere seguito anche telematicamente via internet, grazie allo streaming che vedrà collegate numerose altre sedi dell’associazione. Tutto questo per implementare ancora di più il dialogo continuo con tutti gli operatori della materia, un confronto permanente, uno scambio di informazioni, idee, problemi e soluzioni, secondo le diverse prospettive e responsabilità nella ricerca di un linguaggio comune. Le complesse relazioni che caratterizzano il rapporto tra welfare e giurisdizione nell’attuazione delle politiche volte a conseguire la piena realizzazione dell’interesse del minore verranno analizzate nella prospettiva della giurisprudenza della Corte EDU, della complessità delle problematiche poste dall’affermarsi di una pluralità di modelli familiari, talvolta caratterizzati da una crescente rilevanza dei legami affettivi e dalla emersione della cosiddetta “genitorialità sociale”, quindi sottolineando il fondamentale ruolo svolto dagli esperti giuridici e dai servizi sociali. Particolare rilievo assumerà, inoltre, il problema della tutela da apprestare a soggetti minori particolarmente fragili in considerazione di peculiari condizioni che richiedano l’intervento di un amministratore di sostegno. Nel quadro delineato s’inseriscono inoltre i delicati problemi posti dalle ineludibili esigenze di tutela dei minori stranieri non accompagnati recentemente oggetto di un importante intervento legislativo. Per informazioni ed iscrizioni si prega di consultare il sito internet www.cammino.org

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Famiglie fragili: tra welfare e giurisdizione: il convegno di cammino a Bologna

BolognaToday è in caricamento