Fanep: cena di Natale a sostegno dei progetti per migliorare le cure ai baby pazienti della neuropsichiatria infantile

• Il 6 dicembre l’evento di raccolta fondi aperto a tutti i sostenitori dell’associazione • Il presidente Di Pisa: la cena è il momento clou di un anno positivo per FANEP, premiata dal Presidente Mattarella con un’alta onoreficenza

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

L'appuntamento con la solidarietà è il 6 dicembre. FANEP onlus organizza la tradizionale cena di Natale, per raccogliere fondi per i progetti a sostegno dei ragazzi affetti da patologie neuropsichiatriche e a supporto alle famiglie nel percorso di cura in ospedale. Quest'anno la cena di Natale FANEP, aperta a tutti, si terrà all'Hotel Savoia Regency, in via del Pilastro 2. Si può prenotare telefonando allo 051.346744 oppure scrivendo a info@fanep.org. "La cena di Natale è un appuntamento importante per Fanep perché ci consente di raccogliere fondi per i nostri progetti e di rafforzare, in un momento conviviale, il legame personale con i tanti che ci sostengono. Bologna è una città generosa - commenta Valentino Di Pisa, presidente di FANEP - sono certo che anche quest'anno sentiremo la solidarietà dei bolognesi a favore di quei bambini e quelle famiglie che hanno bisogno di sostegno in momenti difficili. Questo appuntamento - conclude Di Pisa - sarà il coronamento di un anno decisamente positivo per FANEP, premiata con la Medaglia d'argento al merito per la Sanità Pubblica dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Un'alta onoreficenza che è un riconoscimento all'attività ultratrentennale dell'associazione". Nel corso del 2016 FANEP, tra gli altri, ha sostenuto due importanti progetti: il completamento della ristrutturazione del nuovo reparto di Neuropsichiatria Infantile, all'interno della Clinica Pediatrica Gozzadini del Sant'Orsola-Malpighi, passato da 190 a oltre mille metri quadri per dare spazi dignitosi e adeguati ai piccoli pazienti e l'implementazione delle attività nella Stanza di Giacomino (intitolata a Giacomo Bulgarelli): uno spazio nel quale si svolgono monitoraggi sull'epilessia, con l'ausilio di tecnologie avanzate e personale qualificato ad integrazione del personale strutturato. In oltre trent'anni di attività FANEP ha sostenuto le cure di 150.000 bambini e ragazzi; ha aiutato le loro famiglie e sensibilizzato con incontri sul valore della solidarietà e del volontariato oltre 30.000 bambini e adolescenti. L'associazione ha sostenuto, con oltre 50 borse di studio e assegni di ricerca, la formazione di medici, psicologi e dietisti e formato oltre 1.000 volontari che hanno portato il sorriso nei reparti e aiutato le famiglie dei ricoverati. Da 15 anni, FANEP organizza annualmente un corso di formazione per volontari, a cui partecipano circa 70 persone, in prevalenza giovani studenti.

Torna su
BolognaToday è in caricamento