Eventi Centro Storico / Via Don Giovanni Minzoni

"ContiAMO", il Gay Pride 2014 sarà ecocompatibile: 'Non possiamo rimanere lettera morta'

Contare e amare, due verbi contenuti nella parola chiave del Pride bolognese: una settimana di eventi, mostre e laboratori e il 32° compleanno del Cassero. Special guest la cantante Alexia. L'edizione si arricchisce anche del contributo del Movimento di Identità Transessuale al quale il comune ha concesso una sede

La sfilata si terrà il 28 giugno, ma sarà solo l'evento conclusivo del Pride 2014 bolognese, che già dal 20 giugno darà il via a una settimana di teatro, mostre e laboraratori per bambini.

Nessun evento nazionale quest'anno, ma Bologna, insieme ad altre città italiane, aderisce all'Onda Pride, ovvero diverse manifestazioni che culmineranno a reggio Calabria, prima tappa in assoluto nel sud Italia.

"Ancora oggi, dopo 32 anni (la sede LGBT è stato inaugurata nel 2002 - ndr) non vediamo riconosciuti i nostri diritti", così Vincenzo Corigliano, presidente del Cassero, alla sua prima conferenza stampa, dopo la successione a Vincenzo Branà "non possiamo rimanere lettera morta, senza il rispetto dell'articolo 3 della nostra Costituzione, tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, dunque contiAMO, contare ed amare, le parole scelte per l'edizione 2014".

ECO-COMPATIBILE. Novità di quest'anno, l'evento sarà green, il corteo sarà seguito da due furgoncini elettrici, o da bici, e proprio una bici verrà assegnata come premio eco-compatibilità. Appuntamento alle 14.30 al Parco del Cavaticcio e inzio corteo alle 16.30, fino a Piazza del nettuno, dove si terranno gli interventi di associazioni e istituzioni, e l'esibizione della special guest, la cantante ALEXIA. Conclusione, come di consueto, party ufficiale all'Estragon. (GUARDA IL VIDEO)

Anche il MIT, Movimento di Identità Transessuale, prenderà parte attiva all'evento. Una nuova sede in via Polese: "Grazie al Comune, potremmo svolgere meglio le nostre attività" ha detto Milena Bargiacchi del direttivo "ci concentreremo su lavoro e discriminazione, ci chiedono aiuto da tutta Italia, cil comune e la regione si sono dimostrati sempre attenti a queste tematiche". Si batteranno per un documento di identità che riporti il genere di elezione e per un progetto salute, linee guida per medici e psicologi.

DISCRIMINAZIONI. Al tavolo della conferenza anche due testimoni dell'attività MIT Dominique e Veronica: "Ringraziamo l'associazione che contribuisce a farci uscire dalla prostituzione, ci mettvincenzo corigliano-2iamo la faccia e chiediamo sostegno, non solo dalle associazioni. Avere un lavoro sicuro è una possibilità per noi, cioè ci permette di andare oltre quel confine di esclusione ed emarginazione. Spesso i transessuali ricorrono alla prostituzione proprio perchè non hanno lavoro..."

SOSTEGNO AD ATLANTIDE. "Una realtà importante" secondo Corigliano quella di Atlantide, sotto sgombero dal Cassero di Porta Santo Stefano "chiediamo il riconoscimento anche istituzionale, per noi una ricchezza". Stessa posizione quella dell'Assessore Matteo Lepore che però precisa: "Altro discorso è la sede, si è svolto un bando, Atlantide l'ha perso, stiamo parlando di Pride, ovvero di uguaglianza davanti alla legge, quindi ogni cittadino lo è. Certo non ci fa piacere sgomberare".

PROPOSTA RENZI SULLE UNIONI CIVILI. "Di fronte al nulla, anche una proposta è un'ottima cosa", secondo Corgiliano ", Renzi ci ha abituati ad andare veloci, ma l'Italia non riesce a diventare uno stato laico". Non si parla di adozioni nella porposta del Governo e sul caso Logiudice, il senatore bolognese PD che si è sposato all'estero e ha adottato recentemente un bimbo. L'assessore Lepore precisa che "con questo parlamento e questa maggioranza si è pronti per approvare le unioni civili, per la prima volta in Italia".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"ContiAMO", il Gay Pride 2014 sarà ecocompatibile: 'Non possiamo rimanere lettera morta'

BolognaToday è in caricamento