La Sorbetteria Castiglione festeggia i suoi primi 25 anni

Bologna dedica una cura particolare ai piaceri del palato e sicuramente non perderà l’occasione di festeggiare i 25 anni di attività di Sorbetteria Castiglione, una delle gelaterie simbolo della città. Domenica 8 dicembre 2019 dalle 15:00 alle 19:00 
in Via Castiglione 44.

L’8 dicembre 1994 Marina Marchiori e Giacomo Schiavon, dopo 10 anni di esperienza nella famosa gelateria Pino, gestita per oltre 60 anni dalla famiglia Negrini, nel cuore dell’inverno, decisero di aprire la gelateria a due passi dal torresotto. Quella scelta fu una scommessa in cui furono pochi a credere. 

Dal 1936 fino a pochi anni prima, infatti, le pareti che ospitano tutt’ora la nota gelateria erano occupate dalla storica notissima pasticceria Benfenati: mutare le sorti di quei locali che avevano accolto le merende di generazioni di bolognesi era una sfida difficile. 

Ad alzare la posta c’era una giovane donna appassionata che voleva fare l’imprenditrice, un mito allora ancora da sfatare, e delle idee quasi rivoluzionarie in fatto di gelato che sembravano andare controsenso alle tendenze del tempo. 
“Le nostre scelte erano mirate a preservare la qualità del gelato- racconta Marina Marchiori- prima fra tutte forse fu quella del tutto insolita di scegliere di non mostrare le vaschette di gelato per mantenere inalterata la temperatura ed evitare venisse contaminato con l’ambiente”. 

Anticipare i tempi: Negli anni 90 entrare in una gelateria e non trovare vaschette colme di golose creme in bella vista era destabilizzante, ma ben presto la filosofia di Sorbetteria Castiglione trovò nella soddisfazione del palato dei clienti la strada spianata per essere accettata e compresa. 
“Per fare tradizione qualche volta è necessario rompere con la tradizione – continua la Marchiori- così prima “nascondemmo” il gelato dentro ai pozzetti dove la temperatura era costante per conservarne le qualità, poi “aprimmo” il laboratorio. Tutti i nostri clienti da quel momento avevano sotto agli occhi il nostro lavoro”. 
Ancora oggi tutta la produzione, dalla pastorizzazione alla mantecazione è a vista, “non abbiamo nulla da nascondere, anzi, siamo fieri di far vedere che il gelato viene prodotto a ciclo continuo tutto il giorno. Il laboratorio che si affaccia sulla gelateria permette ai nostri clienti di constatare la qualità del nostro lavoro. 
Siamo stati i primi in Italia a fare questo passo, ad aprire la cucina, a lavorare “senza segreti”. 
La Sorbetteria Castiglione ha anticipato i tempi sfruttando quella che era la tecnologia di sempre. L’innovazione che è stata giocata interamente sul piano degli ingredienti. 

Così fu grazie a Sorbetteria che negli anni 90 si tornò alla lavorazione delle nocciole e si recuperò la tecnica tradizionale per la produzione della vera stracciatella. 
“Se mi dicono che il mio gelato non è più quello di una volta mi fanno un complimento: quando siamo partiti le nostre ricette avevano il 26% di zucchero ora arriviamo a malapena al 18%. Le richieste del mercato erano diverse. Lavoriamo di continuo alla riduzione degli zuccheri. 
Lucio Dalla sceglieva il Moretto alla gianduia: Un aneddoto che lega Sorbetteria Castiglione alla tradizione dei Benfenati riguarda proprio il primo ingresso nel grande laboratorio di via Castiglione 44. In quella stanza troneggiava un enorme armadio di ferro, incuriositi Marina e Giacomo lo aprirono e vennero letteralmente sommersi da una valanga di piccoli stampini di alluminio per babà. Di lì a poco fu la fantasia a suggerire loro come utilizzare quei curiosi stampini: nacque così “Il Moretto” il primo gelato su stecco che sta in piedi da solo. Oggi esiste in mille varianti: un finissimo involucro di cioccolato extra racchiude un trionfo dolce di gelato. 
Lucio Dalla, sempre col panama bianco indosso, faceva spesso visita alla Sorbetteria Castiglione e il suo debole era per il moretto alla gianduia, “Era una persona educata e gentile- racconta Marina- aveva una parola per tutti”. 
Trovandosi a due passi da Teatro Duse, la Sorbetteria Castiglione, oltre ai tantissimi affezionati clienti di città ha ospitato molti personaggi di spettacolo: Paolo villaggio, Annie Lennox, Gianni Morandi, Cesare Cremonini, Biagio Antonacci, Stefano Accorsi,... 





 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cibo e Vino, potrebbe interessarti

  • Invito a cena con delitto: il calendario dei misteri da risolvere

    • dal 18 ottobre 2019 al 27 marzo 2020
    • Circolo Mazzini

I più visti

  • "Chagall. Sogno d’amore": la mostra a Palazzo Albergati

    • dal 20 settembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Palazzo Albergati
  • Bologna per la musica

    • dal 1 marzo 2019 al 1 marzo 2020
    • club ICON ex MUSICHIERE 
  • Botero: a Palazzo Pallavicini una inedita mostra sull'icona dell'arte sudamericana (prolungata)

    • dal 12 ottobre 2019 al 26 gennaio 2020
    • Palazzo Pallavicini
  • Teatro Duse, stagione 2019/2020: il cartellone conta 60 spettacoli, grande protagonista Gianni Morandi

    • dal 4 settembre 2019 al 16 maggio 2020
    • Teatro Duse
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BolognaToday è in caricamento