Luigi Carboni: "Cosa separa la pittura astratta dalla figurativa?"

A cinque anni di distanza dall'ultima personale bolognese, Luigi Carboni torna alla OTTO Gallery con la mostra Ciò che da sé accade. L'artista ha elaborato, per questa mostra personale, un racconto espositivo intorno all'interrogazione attuale su cosa separi veramente la pittura astratta da quella figurativa.

Grandi tele ad olio e acrilico, senza timore o freno, si affiancano a dipinti di piccolo formato; le opere si mostrano con un'ampia porzione di bianco, che separa l'immagine dal bordo del quadro, creando così l'illusione di una doppia cornice. La superficie pittorica è animata da geometrie concentriche, con vibrazioni optical,che si stratificano tra loro ri/velando le immagini sottostanti: paesaggi e luoghi, figure e fantasmi occupano lo spazio in una narrazione di insieme. Su queste immagini, in maniera illusoria, appaiono delle fessure lattiginose, fori circolari, cerchi come lenti, corpi celesti perfettamente intagliati scompongono e ricompongono la forma aggredita e mutilata.

Quello che caratterizza l'opera di Carboni è il fatto di aver affrontato i soggetti della pittura, sempre in bilico tra decoro, espressività vigorosa e allucinato fotorealismo,e analizzatoallo stesso tempo gli strumenti di produzione tecnica dell'immagine;questi ultimi diventano il soggetto/oggetto del quadro e si pongono al limite tra il lirismo della materia e la narrazione metafisica di storie reali. L'esposizione comprende alcune sculture, oggetti nudi, che sono diretta emanazione del processo pittorico.

L'invenzione artistica in Carboni assume le caratteristiche di una riflessione concettuale, una risposta personale sul suo ruolo di consumatore di immagini in un mondo senza orizzonte storico o politico, saturo di informazioni/immagini dove l'essere umano è in contatto "con tutti e tutto, ma presente a niente", come afferma Zygmunt Bauman nel suo libro Modernità liquida.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • “Criminis Imago. Le immagini della criminalità a Bologna”: la mostra riapre a febbraio 2021

    • dal 1 febbraio al 27 giugno 2021
    • Santa Maria della Vita
  • Vittorio Corcos, "Ritratti e Sogni": la mostra a Palazzo Pallavicini

    • dal 2 febbraio al 27 giugno 2021
    • Palazzo Pallavicini
  • "Criminis Imago. Le immagini della criminalità a Bologna"

    • dal 23 ottobre 2020 al 27 giugno 2021
    • Oratorio di Santa Maria della Vita

I più visti

  • Tecnico per la promozione turistica specializzato nella progettazione e distribuzione di itinerari sostenibili

    • Gratis
    • dal 28 settembre 2020 al 30 luglio 2021
    • Nuovo Cescot ER
  • “Criminis Imago. Le immagini della criminalità a Bologna”: la mostra riapre a febbraio 2021

    • dal 1 febbraio al 27 giugno 2021
    • Santa Maria della Vita
  • Le Frecce Tricolori volano sul Gran Premio del Made in Italy

    • solo domani
    • Gratis
    • 18 aprile 2021
  • Resilienze Festival 2020-2021: "​Legami Invisibili​"

    • Gratis
    • dal 8 settembre 2020 al 31 maggio 2021
    • Vari luoghi
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BolognaToday è in caricamento