"Morestalgia" il progetto di Riccardo Benassi vincitore della V edizione di Italian Council

  • Dove
    Stazione di Bologna
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 23/01/2020 al 27/01/2020
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Xing presenta Morestalgia di Riccardo Benassi, progetto realizzato grazie al sostegno dell’Italian Council (5. Edizione, 2019), programma di promozione dell’arte contemporanea italiana nel mondo della Direzione Generale Creatività Contemporanea e Rigenerazione Urbana del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.

Morestalgia è un ambiente composto da testo, suono e oggetti che ha come cuore pulsante uno schermo led penetrabile dal corpo umano. Il progetto nasce da un lavoro di ricerca teorica sul sentimento della nostalgia e sulle sue implicazioni sociali alla luce dell’ingresso di internet nelle nostre vite. Prende la forma di un'opera multimediale e polisensoriale, un oggetto di iper-design che, coerentemente con il percorso di ricerca di Riccardo Benassi, affronta il tema del display nel contesto abitativo, urbanistico, infrastrutturale e comportamentale, partendo da un’analisi che pone al centro il soggetto e le sue interrelazioni.

A Bologna, dal 23 al 27 gennaio, la tecno-tenda di Morestalgia entrerà nella stazione ferroviaria, occupando lo spazio sotterraneo della Hall Alta Velocità, uno dei punti nevralgici della grande infrastruttura che ha cambiato il nostro modo di viaggiare. Dopo l’opening di giovedì 23 gennaio (dalle ore 20.30 alle 24), per i quattro giorni successivi l’installazione sarà aperta a passeggeri e visitatori in tutto l’arco della giornata (dalle ore 6 alle 23.30) offrendo così un’anticipazione di Live Arts Week IX, appuntamento tra arte e liveness a cura di Xing che si terrà dal 26 marzo al 4 aprile. è uno dei main projects di ART CITY Bologna 2020, in occasione di Arte Fiera.

Riccardo Benassi ha creato il neologismo 'morestalgia' per aggiornare il significato del sentimento della nostalgia all’interno di campi di studio quali la memoria e gli affetti, la migrazione e la famigliarità, la fenomenologia delle interfacce contemporanee e la psicanalisi, la storia e la futurologia. Il suo corrispettivo in un linguaggio cosmopolita è 'augmented nostalgia': un tipo specifico di nostalgia che provoca un dolore simile a quello causato dall’invidia, un sentimento di mancanza che si traduce come perdita. Gli esseri umani 'morestalgici' sono portatori del desiderio di vivere un'esperienza che hanno precedentemente inteso come plausibile ma che non richiamano dal proprio passato, in quanto questo è stato sostituito dalla navigazione immersiva offerta dal web. L’artista si domanda: in che modo i social network e le comunità online contribuiscono all'unificazione e alla normalizzazione di diversi passati soggettivi? L'empatia digitale può diventare uno strumento utile a rimodellare il futuro piuttosto che creare un'alleanza attorno a un passato apparentemente condiviso? In altre parole, come possiamo oggi trasformare il soggettivo senso di appartenenza in un divenire collettivo?

La pratica di Riccardo Benassi si è distinta negli anni per un approccio multidisciplinare che riflette sull’impatto delle tecnologie nella nostra quotidiana relazione con lo spazio e le persone, e su come esse abbiano radicalmente alterato le strutture abitative e l’organizzazione del reale, dall’architettura alla politica, così come nella produzione e nel consumo di cultura. Sviluppando spesso progetti collaborativi all’interno delle ultime 'sottoculture' degli anni ’90, Benassi ha rappresentato, negli anni del suo esordio, una figura chiave nella scena della musica underground europea. Altrettanto attivo in campo visuale, con una frequentazione dei New Media, con particolare riferimento alla crescita espressiva della millennial generation, ne è diventato un riferimento sia sul piano teorico che su quello formativo e procedurale. Le sue opere sono il risultato di un articolato assemblaggio di immagini, testi, suoni, colori, oggetti di design e diversi materiali che insieme generano installazioni su grande scala, video, libri d'artista ed elementi scultorei. Negli ultimi anni il linguaggio testuale è entrato sempre di più a far parte delle sue produzioni; ne è un esempio - tra gli altri - l’opera pubblica e permanente Daily Desiderio, con cui ha vinto il concorso ArtLine a City Life, Milano: si tratta di una immaginaria fermata di un mezzo di trasporto pubblico formata da un pannello Led all’interno del quale l’artista si è impegnato a scrivere e trasmettere un messaggio di testo al giorno per ogni giorno della sua vita. Quando l’artista morirà i suoi messaggi ricominceranno a essere proiettati da capo, a ciclo continuo, mantenendo sempre la cadenza quotidiana.

Morestalgia si realizza tra il 2019 e il 2020 in una serie di articolazioni e collaborazioni internazionali. L’installazione, che a Bologna è messa in relazione con lo spazio pubblico, viene anche esposta da due centri d’arte europei che si occupano dei rapporti tra arte e tecnologia: dopo essere stata presentata al Centre d’Art Contemporain Genève  approda allo ZKM | Zentrum für Kunst und Medien di Karlsruhe in occasione del grand opening della nuova stagione del museo. Morestalgia prende anche la forma di performative lecture all'Istituto Italiano di Cultura di Melbourne, storico luogo di emigrazione europea, in dialogo con altre opere create per l’occasione, al Künstlerhaus Bethanien di Berlino e alla IX edizione di Live Arts Week a Bologna. L’opera sarà accompagnata da un libro tascabile edito da NERO, per entrare infine nella collezione permanente di Museion - Museo d’arte moderna e contemporanea di Bolzano.

Riccardo Benassi (Cremona, 1982), vive e lavora a Berlino. Il suo lavoro è stato esposto in spazi pubblici e privati in Italia e all’estero, tra cui, per quanto riguarda le mostre più recenti: ICA, Milano (2019); Galleria ZERO…, Milano (2019); Impakt festival, Utrecht (2019); Fondazione del Monte Bologna (2019); MAMbo Bologna (2018); Parc Saint Léger, Guérigny (2018); ArtLine, Milano (2018). È docente di Sound Design presso l’Accademia di Belle Arti Carrara di Bergamo dal 2013 e dal 2019 è Guest Lecturer presso Nuova Accademia di Belle Arti - NABA a Milano. Ha pubblicato Lettere dal sedile del passeggero quando nessuno è al volante (Mousse Publishing 2010), Briefly, Ballare (Danilo Montanari 2012), Attimi Fondamentali (Mousse Publishing 2012), Techno Casa (Errant Bodies 2015) e Sicilia Bambaataa (NERO Publishing 2015).

Xing è un'organizzazione culturale basata a Bologna che progetta, organizza e sostiene eventi, produzioni e pubblicazioni contraddistinti da uno sguardo interdisciplinare intorno ai temi della cultura contemporanea, con una particolare attenzione alle tendenze generazionali legate ai nuovi linguaggi.
www.xing.it

Live Arts Week è un evento dedicato alle live arts. Presenta un insieme eterogeneo di performance che ruotano intorno alla presenza e all’esperienza percettiva di corpi, movimenti, suoni e visioni. Live Arts Week riflette una concezione dell'arte come esperienza, fatta di temporalità, posture e immaginari. I programmi di ciascuna edizione raccordano tensioni estetiche e pratiche rappresentative del mondo contemporaneo, articolati in un palinsesto di opere dal vivo (performance, ambienti, concerti, expanded cinema, live media) presentate da personalità di spicco della ricerca contemporanea internazionale.
www.liveartsweek.it

Realizzato grazie al sotegno di Italian Council, MIBACT - Direzione Generale Creatività Contemporanea e Rigenerazione Urbana. Promosso da Xing.  In collaborazione con Ferrovie dello Stato Italiane e Grandi Stazioni Retail. Nell'ambito di ART CITY Bologna 2020 in occasione di Arte Fiera. Partners: CAC Centre d'Art Contemporain - Ginevra, ZKM Zentrum für Kunst und Medien - Karlsruhe, Künstlerhaus Bethanien - Berlino, Museion - Bolzano, Istituto Italiano di Cultura di Melbourne.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • "Sotto le stelle del cinema": il programma del cinema in Piazza Maggiore e al BarcArena

    • Gratis
    • dal 4 July al 1 September 2020
    • Piazza Maggiore e BarcArena
  • La Collina delle Meraviglie: il programma dal 16 giugno al 15 settembre

    • dal 16 June al 15 September 2020
    • Colli bolognesi
  • Rocchetta Mattei riaperta al pubblico con un nuovo percorso

    • dal 23 May al 31 August 2020
    • Rocchetta Mattei
  • Etruschi, viaggio nelle terre dei Rasna al Museo Civico Archeologico

    • dal 7 December 2019 al 29 November 2020
    • Museo Civico Archeologico
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    BolognaToday è in caricamento