rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Eventi

Le 10 mostre di gennaio da non perdere

Rinascimento, ritrattistica, soggetti mitologici, geni dell'arte e anche street art: cosa vedere a Bologna in questo primo mese dell'anno

Gennaio, il primo mese dell'anno, vedrà l'arte protagonista. Non solo perché ci sono delle bellissime mostre sparse per la città che accontentano il gusto di tutti, ma anche perché è in arrivo anche Arte Fiera e quindi anche ArtCity! Intanto ecco le 10 mostre da non perdere, anche se saranno tantissime le esposizioni interessanti e sceglierne solo dieci è davvero riduttivo! 

1. “Fattori. L’umanità tradotta in pittura”

“Fattori. L’umanità tradotta in pittura” in programma fino al 1° maggio 2023 a Palazzo Fava, il Palazzo delle Esposizioni di Genus Bononiae. Musei nella Città (via Manzoni, 2, Bologna), realizzata in collaborazione con l’Istituto Matteucci. Il percorso espositivo a cura di Claudia Fulgheri, Elisabetta Matteucci e Francesca Panconi, studiose e profonde conoscitrici della vasta produzione di Fattori, presenta una straordinaria selezione di oltre 70 opere della produzione del maestro indiscusso della macchia, eccezionale precursore della modernità? del XX secolo. “Perché si premia il quadro del sig. Fattori, si grida da ogni parte, se non ha soggetto che interessi? […] Il sig. Fattori non ha realizzato una forma in questo suo quadro, egli ha realizzato un sentimento”: con queste parole Telemaco Signorini, uno dei protagonisti della rivoluzione pittorica macchiaiola, difendeva dalle pagine del Gazzettino il premio assegnato nel 1866 dalla Società d’Incoraggiamento di Firenze alle Macchiaiole di Giovanni Fattori, dipinto della piena maturità. Parole che, individuando nel sentimento l’elemento fondamentale della pittura fattoriana, coglievano il segno di una pratica artistica capace, nella ritrattistica come nei paesaggi, nei quadri di soggetto campestre così come nelle grandi tele risorgimentali, di rivelare una peculiare maestria nell’esprimere l’umanità più vera e le più profonde emozioni.

2. "Byways. Le fotografie di Roger Deakins" nel sottopasso di Piazza Re Enzo

Solo fino al 15 gennaio 2023 la mostra fotografica "Byways. Le fotografie di Roger Deakins" in esposizione nel sottopasso di Piazza Re Enzo. Roger Deakins è un maestro della fotografia per il cinema con due Premi Oscar nel suo palmarès e 15 nomination. Ha dato luce e colore a decine di capolavori hollywoodiani, divenendo collaboratore imprescindibile per autori come i fratelli Coen, Sam Mendes, Denis Villeneuve.  Lo stesso autore sarà in città per inaugurare la mostra e per presentare le prime proiezioni di film che si snoderanno poi fino a gennaio tra il Cinema Lumière della Cineteca di Bologna e il MAST.Auditorium. L’esposizione, curata da curata da James Ellis Deakins, trae origine dalla prima e omonima monografia di Deakins pubblicata da Damiani nel 2021 e presenta più di 50 fotografie in bianco e nero presenti nel libro, oltre ad una serie di scatti inediti. 

3. Norma Mascellani (1909-2009). Segreti dal Novecento a Palazzo D'Accursio

A Palazzo d’Accursio Bologna per le Arti presenta "Norma Mascellani (1909-2009). Segreti dal Novecento", a cura di Francesca Sinigaglia, una mostra che prende in esame la vita e la carriera della pittrice bolognese attraverso più di 100 dipinti realizzati tra gli anni ’30 e il 2009 provenienti dal Fondo Norma Mascellani e da numerose collezioni private. Questa mostra ha il pregio di riunire per la prima volta, insieme alle opere, una ricca documentazione archivistica e soprattutto un prezioso carteggio, recentemente scoperto, che contribuisce a fare luce sulle relazioni che l’artista coltivò con gli artisti del suo tempo, come Giorgio Morandi, Alfredo Protti, Giovanni Romagnoli, Alessandro Cervellati e altri. Un notevole corpus di documenti di cui fanno parte anche incisioni, cataloghi inediti, foto-grafie.

(CLICCA IN BASSO SUL TASTO CONTINUA PER PROSEGUIRE LA LETTURA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le 10 mostre di gennaio da non perdere

BolognaToday è in caricamento