rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Eventi

Le mostre di febbraio da non perdere

Con il passaggio dell’Emilia-Romagna in zona gialla è arrivata l’attesa riapertura delle sedi espositive dal 2 febbraio 2021

L'Emilia-Romagna e Bologna zona "gialla" dai primi di febbraio e si riapre la bellezza dei musei della città, anche se con una serie di regole e di limitazioni orarie ben definite. Quale mostra vedere assolutamente? Quale museo non perdere? Ecco qualche suggerimento da tenere buono. 

1. La mostra incentrata sul tema al quale Giorgio Morandi

"Re-Collecting. Morandi racconta. Tono e composizione nelle sue nature morte" al  MAMbo - Museo d'Arte. Dal 4 febbraio all'11 aprile 2021 "Re-Collecting. Morandi racconta. Tono e composizione nelle sue nature morte" al  MAMbo - Museo d'Arte. La mostra incentrata sul tema al quale Giorgio Morandi ha maggiormente legato la sua fama. Prosegue al Museo Morandi RE-COLLECTING, ciclo ideato da Lorenzo Balbi, che approfondisce temi legati alle collezioni, indagandone aspetti particolari e valorizzandone opere solitamente non visibili o non più esposte da tempo.
 

2. Canali nascosti a Bologna nel Novecento"

La Mostra fotografica “Canali Nascosti a Bologna nel Novecento” ha riaperto al pubblico. Con il passaggio della Regione Emilia–Romagna in zona gialla infatti c'è l'autorizzazione ad accogliere nuovamente il pubblico all'Opificio delle Acque il nuovo Centro Didattico-documentale gestito da Canali di Bologna. Prenotabili le visite guidate alle 10.30.  

3. Vittorio Corcos, "Ritratti e Sogni": la mostra a Palazzo Pallavicini

A Bologna Palazzo Pallavicini riapre con la mostra Vittorio Corcos "Ritratti e Sogni", prorogata fino al 27 giugno 2021. L’Emilia-Romagna si colora di giallo consentendo a Palazzo Pallavicini di ripartire martedì 2 febbraio con gli incredibili capolavori di Vittorio Corcos. La mostra Vittorio Corcos Ritratti e Sogni – magistralmente allestita all’interno delle sontuose sale di Palazzo Pallavicini – riunisce alcuni tra i dipinti più significativi dell’artista livornese provenienti da importanti collezioni pubbliche e private. Inaugurata il 22 ottobre 2020 e poi sospesa, l’esposizione riapre al pubblico dal martedì al venerdì e sarà prorogata fino al 27 giugno 2021.

4. Criminis Imago: le immagini della criminalità a Bologna 

Riapre, all’Oratorio di Santa Maria della Vita, “Criminis Imago. Le immagini della criminalità a Bologna”, 100 potenti scatti in bianco e nero dei fotoreporter Walter Breveglieri e Paolo Ferrari che disegnano la mappa di 50 anni di crimine nella città, mentre nella Chiesa sarà nuovamente visitabile il “Compianto sul Cristo Morto” di Niccolò dell’Arca (entrambi dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 19.00). Il Museo della Storia di Bologna a Palazzo Pepoli riaprirà invece dal martedì al venerdì, dalle ore 10.00 alle ore 19.00; anche San Colombano è pronta ad accogliere i visitatori della Collezione Tagliavini di strumenti antichi dal martedì al venerdì (orari: 11.00 -13.00 e 15.00 – 19.00), mentre la Biblioteca d’Arte e di Storia di San Giorgio in Poggiale consentirà ai visitatori, oltre al servizio di consultazione e prestito già attivo, la possibilità di fermarsi presso la sala lettura (orari: lunedì, mercoledì, venerdì ore 9.00 – 13.00; martedì, giovedì ore 9.00 – 17.00). 

5. "Le plaisir de vivre - Arte e moda del 700 veneziano"

"Le plaisir de vivre - Arte e moda del Settecento veneziano dalla Fondazione Musei Civici di Venezia": mostra a cura di Mark Gregory D’Apuzzo, Massimo Medica, Chiara Squarcina (2 febbraio – 12 settembre 2021). Promosso da Istituzione Bologna Musei | Musei Civici d'Arte Antica in collaborazione con Fondazione Musei Civici di Venezia, il progetto espositivo curato da Mark Gregory D’Apuzzo, Massimo Medica e Chiara Squarcina costituisce l'apice conclusivo delle celebrazioni che nel 2020 hanno accompagnato il centenario del Museo Davia Bargellini e l’omaggio al suo fondatore Francesco Malaguzzi Valeri, che il 30 maggio 1920 lo inaugurò all'interno del senatorio Palazzo Bargellini nel corso del suo incarico come Direttore della Pinacoteca di Bologna e Soprintendente alle Gallerie di Bologna e della Romagna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le mostre di febbraio da non perdere

BolognaToday è in caricamento