Open Galleria: la mostra in Galleria Cavour

  • Dove
    Galleria Cavour
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 19/07/2020 al 31/08/2020
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

La Mostra Open Galleria, (in visione fino al 31 agosto) ospitata nella zona Quadrivio di Galleria Cavour e dedicata all’heritage della Galleria, si arricchisce di memorabilia inediti.

Insieme al bellissimo plastico già presente all’interno della Mostra, saranno ora esposti due disegni ad acquerello inediti che illustrano la versione iniziale del progetto urbanistico nel centro storico di Bologna, ideato dall’ingegner Giorgio Pizzighini (1949).

Le tavole acquerellate, così come il plastico, provengono dall’Archivio del suo studio, tuttora conservato a Bologna a Palazzo Boncompagni.

Il progetto dell’ingegner Giorgio Pizzighini: così nasce Galleria Cavour
Il progetto di riassetto generale, attestata su via de’ Foscherari, è ideato e condotto dall’ingegner Giorgio Pizzighini (Bologna, 1912-1991). Si tratta di un lungo iter tecnico e burocratico, assai impegnativo, che arriva a definitivo compimento alla fine degli anni Cinquanta. 
La felice intuizione urbanistica dell’ingegner Pizzighini è quella di realizzare una sostituzione e ricostruzione degli edifici esistenti con un edificio razionalista assolutamente innovativo per quei tempi. Il complesso di Galleria Cavour costituisce così il nuovo impianto urbanistico su cui poggia il ripristino del centro storico medievale della città, seriamente degradato dagli eventi bellici. A dimostrazione che l’idea urbanistica fu fondamentale per il nuovo assetto del cuore di Bologna, ancora prima delle realizzazioni architettoniche che seguirono.
Tutti gli accessi sono collocati all’interno della galleria commerciale, che collega le tre strade limitrofe, confermandosi elemento distributivo di strategica valenza. Nel corso dei lavori, volendo rafforzare collegamenti e relazioni con molti dei principali edifici amministrativi e culturali della città, vengono proposti nuovi collegamenti pedonali verso il Pavaglione e piazza Minghetti, connessi direttamente alla Galleria. Il nuovo fabbricato prevede negozi al piano terreno e all’ammezzato, uffici e residenze ai piani superiori. 
Proprio in virtù della complessità del programma, il piano viene realizzato attraverso tre lotti distinti, per gestire al meglio un cantiere di così vaste proporzioni, collocato in pieno centro storico e servito da strade di ridottissime dimensioni.. Xxx Tutti gli accessi sono collocati all’interno della galleria commerciale, che collega inoltre le tre strade limitrofe, confermandosi elemento distributivo di strategica valenza.
Nella prima versione del progetto, presentata nel 1949 per la costruzione del primo blocco, la Galleria si attestava internamente fino al cinema e ristorante, affacciato sull’antico vicolo della Scimmia. Il plastico dell’epoca - per la prima volta in esposizione al pubblico in occasione della Mostra OPEN GALLERIA - illustra appunto tale soluzione, che non verrà realizzata. 
Tra il 1956 e il 1958, nel corso dei lavori, l’ingegner Giorgio Pizzighini acquista dalla proprietà quote sempre maggiori dell’edificio, assumendo contemporaneamente il ruolo di committente, proprietario e progettista del nuovo edificio in corso di realizzazione, diventandone sempre più interprete ed interlocutore preminente. 
Al progetto strutturale collabora l’amico ingegner Bruno Bottau, apprezzato strutturista e docente presso l’ateneo bolognese.

Elementi salienti della Mostra, oltre ai due progetti ad acquerello e al plastico del progetto originario, presenta sequenze tematiche di immagini d’autore (a cura di Walter Breveglieri, Paolo Ferrari, Oscar Ferrari) trasmesse in loop su monitor, dagli anni ’60 a oggi, riferito alle varie attività commerciali che qui si sono via via succedute. Una vera e propria ‘narrazione’ visiva delle tante storie e dei tanti volti che hanno animato gli spazi di Galleria Cavour. 

OPEN GALLERIA 
19 GIUGNO / 31 AGOSTO 2020
OPEN NO STOP 

2a tappa fino al 23 LUGLIO | IL PROGETTO PIZZIGHINI
3a tappa 24 LUGLIO/31 AGOSTO | PRIMI PASSI: NEGOZI E PRESENZE

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Monet e gli Impressionisti. I capolavori del Musée Marmottan Monet di Parigi arrivano a Bologna

    • dal 29 agosto 2020 al 14 febbraio 2021
    • Palazzo Albergati
  • Polittico Griffoni, prorogata la mostra “La Riscoperta di un Capolavoro” a Palazzo Fava

    • dal 19 maggio 2020 al 15 febbraio 2021
    • Palazzo Fava 
  • "Criminis Imago. Le immagini della criminalità a Bologna"

    • dal 23 ottobre 2020 al 21 gennaio 2021
    • Oratorio di Santa Maria della Vita

I più visti

  • Monet e gli Impressionisti. I capolavori del Musée Marmottan Monet di Parigi arrivano a Bologna

    • dal 29 agosto 2020 al 14 febbraio 2021
    • Palazzo Albergati
  • Polittico Griffoni, prorogata la mostra “La Riscoperta di un Capolavoro” a Palazzo Fava

    • dal 19 maggio 2020 al 15 febbraio 2021
    • Palazzo Fava 
  • Tecnico per la promozione turistica specializzato nella progettazione e distribuzione di itinerari sostenibili

    • Gratis
    • dal 28 settembre 2020 al 30 luglio 2021
    • Nuovo Cescot ER
  • Resilienze Festival 2020-2021: "​Legami Invisibili​"

    • Gratis
    • dal 8 settembre 2020 al 31 maggio 2021
    • Vari luoghi
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BolognaToday è in caricamento