Compleanno dell'Osteria dell'Orsa: musica e festa per i 40 anni

Giovedì 12 settembre dalle ore 18 a mezzanotte in via Mentana a Bologna - chiusa al traffico per l'occasione - si festaggia il 40° COMPLEANNO DELL'OSTERIA DELL'ORSA.

Dal 1979 la storia dell'Osteria dell'Orsa va di pari passo con la storia di Bologna. All'Orsa ha mosso i primi passi il punk bolognese: i primi concerti della storica band dei Nabat sono stati nella sala sotto dell'osteria, con gli anfibi appoggiati sugli stessi tavoloni su cui oggi mangiano i turisti; naturalmente anche Dandy Bestia e FreakAntoni degli Skiantos . Dopo il punk, il jazz: fra i tanti jazzisti che qui hanno suonato ricordiamo Paolo Fresu e Marco Tamburini . E non solo musica: la più storica delle istituzioni bolognesi, l' Alma Mater, ha avuto, sempre nella sala di sotto, una sorta di "sala congressi alternativa" per incontrarsi tra il serio e lo scherzoso - come si conviene a un’osteria - ma con contenuti e relatori che farebbero impallidire molti convegni universitari. E poi nomi di Palazzo, addirittura qualche ecclesiastico e, oggi, anche tanti tanti turisti, attratti da ciò che si racconta di questa trattoria in tante lingue diverse, in molteplici siti web e nei media di settore

Il programma: 

FELICE DEL GAUDIO TRIO 

Felice Del Gaudio, bassista e contrabbassista, nato a Lagonegro, vive a Bologna dal 1984. Diplomato in musica jazz , laureato in Scienze politiche. Nella sua carriera ha collaborato con: p.wertico, l.dalla, quartetto archi opera di berlino, h.gualdi. p.g.farina , r.gualazzi, d.dibonaventura, b.antonacci. s.duran, g. brew ha pubblicato 4 metodi per lo studio del basso,un dvd didattico, ha al suo attivo piu di 150 registrazioni discografiche e 5 album come solista e leader. Si esibirà con Giampiero Martirani e Sergio Piccinini ricreando così il trio che suonava all’Orsa trent’anni fa. 

MIMMO TURONE QUINTETT 

Mimmo Turone ha studiato musica d’uso e jazz al conservatorio di Bologna; arrangiatore, pianista, tastierista, vanta collaborazioni con Paolo Conte, Miariam Makeba, Vinicio Capossela, Claudio Lolli, Luca Carboni e molti altri. Si esibirà con Guido Guidoboni, Tomas Sheret, Lele Barbieri. 

GRANPA: 

Gianluca Bartolo e Luca Macaluso, palermitani, membri fondatori dei GRANPA(Stoner rock ita), hanno da sempre incrociato i manici delle loro chitarre. Appassionati studiosi del Delta Blues e delle sue declinazioni, hanno sviluppato stili diversi, ma complementari, fondendo folk, rock’n’roll e sonorità mediterranee con punte di texmex. Chitarra de “il Pan del Diavolo” uno (G.B.), creatore del progetto blues “El Pannocchia” (L.M.), autori di colonne sonore, portano dal vivo uno show che racchiude tutto questo. 

KEY O'SEA: 

I Key O' Sea nascono piuttosto casualmente come duo nella polverosa soffitta di Sam... Era la calda estate del 2016 nei docks di Bologna. Elijah e Sam portano a casa qualche interessante arrangiamento di canzoni marinaresche e una manciata di registrazioni. Nel 2018, mentre si nascondeva dagli sgherri di sua maestà, si aggiunge alla voce Captain Jack, proveniente dalle più disparate esperienze corsare e piratesche, già compare di Sam sulla nave pirata Innero. Poco tempo dopo, con tutti i suoi averi persi a poker e un matrimonio fallito, si arruola nella ciurma Mikey the Brute e imbraccia la seconda chitarra. Collaborano con noi Nick the Wulff, tamburino sulla Man O' War nota nei mari col nome di Hyperwulff e Raw Bertha, depositaria dell'eredità di Anne Bonny, pirata nomade dalle ammalianti doti canore. 

This is the story so far... Ci occupiamo di riprendere e riarrangiare soprattutto canzoni della tradizione folk, rebel songs, murder ballads, con particolare attenzione ai canti di mare, i cosiddetti sea shanties, dilettandoci nel citare in chiave acustica le più disparate influenze, dal rock, al punk, al pop, al metal, alle colonne sonore dei film e delle serie tv della nostra infanzia. Pub, bar, taverne malfamate, ponti delle navi, zattere alla deriva, spiagge deserte, covi segreti dei ribelli, rifugi montani, il vostro salotto dotato di camino sono tra i nostri palcoscenici preferiti. 

LASER GEYSER 

I Laser Geyser si formano nel 2006 dall'incontro tra Cangio (chitarra) e JJ (batteria in The Valentines, TV Smith, Klasse Kriminale) dopo aver partecipato al progetto Laida Bologna Crew capitanato da Steno dei Nabat. Con loro nella prima formazione c'è Francesco “Ratigher” D'Erminio ex bassista dei Laghetto che lascerà la band subito dopo la registrazione del primo EP “Ode to the Primary Numbers”. I Laser Geyser rimangono un duo chitarra/batteria fino al 2015. In questi anni pubblicano diversi 7” e un EP, tra cui autoproduzioni e collaborazioni con Tannen Records e Covo Records. Nel 2015 il gruppo torna ad essere un trio grazie all'ingresso del nuovo bassista Robert Muzzioli già nei Forty Winks. Tra il 2017 e il 2018 registrano all'Alpha Dept Studio di Bologna “Sons Of Lightning” : il primo LP della band con la nuova formazione è registrato, mixato e prodotto insieme a Pierluigi Ballarin e masterizzato da Andrea Suriani. L'album si allontana dal tipico sound post punk che aveva caratterizzato la band nell'ultimo decennio dando più spazio alla melodia, collocandosi come un perfetto mix tra Replacements, Wipers, Hot Snakes e Weezer. Laser Geyser : Cangio : voce / chitarra JJ : voce / batteria Robert : basso / voce 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cibo e Vino, potrebbe interessarti

I più visti

  • Tecnico per la promozione turistica specializzato nella progettazione e distribuzione di itinerari sostenibili

    • Gratis
    • dal 28 settembre 2020 al 30 luglio 2021
    • Nuovo Cescot ER
  • “Criminis Imago. Le immagini della criminalità a Bologna”: la mostra riapre a febbraio 2021

    • dal 1 febbraio al 27 giugno 2021
    • Santa Maria della Vita
  • Resilienze Festival 2020-2021: "​Legami Invisibili​"

    • Gratis
    • dal 8 settembre 2020 al 31 maggio 2021
    • Vari luoghi
  • Vittorio Corcos, "Ritratti e Sogni": la mostra a Palazzo Pallavicini

    • dal 2 febbraio al 27 giugno 2021
    • Palazzo Pallavicini
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BolognaToday è in caricamento