Ozzano: ritorna il circo-teatro con Dulcamara Circus

Al via Domenica 25 Febbraio la terza edizione della Rassegna di Circo-Teatro in fattoria rivolta a tutta la famiglia.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Se la primavera si fa desiderare, torna invece Dulcamara Circus, la rassegna di spettacoli di Circo Contemporaneo per tutta la famiglia patrocinata dal Comune di Ozzano dell’Emilia presso l’Agriturismo Dulcamara in località Settefonti di Ozzano. Sull’onda del successo delle due edizioni passate dove gli spettacoli hanno registrato sempre un tutto esaurito, la rassegna propone anche quest’anno 7 appuntamenti per tutti i gusti: dagli spettacoli di Circo Contemporaneo acrobatico, all’equilibrismo, alla magia delle bolle di sapone, passando per le acrobazie aeree. Il tutto immerso nella magnifica cornice del Parco Naturale dei Gessi e dei Calanchi dell’Abbadessa sulle prime colline di Ozzano dell’Emilia.

“Per la prima volta la rassegna comincia a fine Febbraio anziché verso la fine di Marzo. Visto il successo delle scorse edizioni abbiamo voluto offrire al pubblico una programmazione più lunga non facendoci intimorire dagli ultimi strascichi d’inverno. Da tre anni proponiamo la rassegna Dulcamara Circus con la formula dell’ingresso gratuito e l’uscita liberamente a cappello: è stata una soluzione vincente per dare accesso a tutti alla cultura, ciascuno secondo le proprie possibilità.” commenta la Compagnia Nando e Maila che ne cura la direzione artistica. “Crediamo che il Circo Contemporaneo sia una forma d’arte universale, in grado di unire grandi e piccini, fasce sociali e culture diverse. Uno strumento importante per sviluppare l’integrazione e l’inclusione sociale nel nostro territorio”. L’appuntamento è per domenica 25 Febbraio alle 15.30 per l’apertura di Dulcamara Circus 2018 con lo spettacolo “Il Sogno” della Compagnia Gambeinspalla Teatro protagonista la magia delle bolle di sapone. L’ingresso è gratuito.

Torna su
BolognaToday è in caricamento