Palazzo Pepoli Campogrande: riapertura il 7 luglio 2020

A partire dal 7 luglio, a seguito della ratifica locale dell’accordo tra il Ministero e le Parti Sociali, i visitatori potranno accedere a Palazzo Pepoli Campogrande a Bologna grazie anche alla collaborazione con la società Ales. I visitatori, una volta effettuato l’accesso, saranno accolti da personale consapevole delle nuove regole di accesso che verranno illustrate prima dell’entrata e negli spazi dell’istituto con eventuale cartellonistica dedicata.

Tutti i visitatori per essere ammessi dovranno presentarsi dotati di mascherina e troveranno all’interno del sito distributori di gel disinfettante per mani. Gli utenti fruiranno di entrate/uscite differenziate e di percorsi unidirezionali di visita. Nelle sale espositive sarà fatta rispettare la distanza minima di oltre un metro e l'afflusso sarà regolamentato. Le visite guidate saranno possibili per gruppi di massimo 8 persone provvisti delle opportune dotazioni tecnologiche per evitare assembramenti.

I visitatori sono quindi invitati, per evitare disagi, ad informarsi sul sito web della Pinacoteca Nazionale di Bologna o per via telefonica, per verificare modalità di accesso e di pagamento e per gli orari di apertura.

 PALAZZO PEPOLI CAMPOGRANDE A BOLOGNA

Sede distaccata della Pinacoteca Nazionale, è noto anche con il nome di Palazzo Pepoli “Nuovo”, per distinguerlo dal “Vecchio”, la dimora trecentesca della famiglia Pepoli collocata sul lato opposto di via Castiglione. Costruito a partire dagli anni sessanta del XVII secolo per volere di Odoardo Pepoli, il nuovo palazzo fu pensato come una residenza signorile, moderna e sfarzosa, adeguata a rappresentare il prestigio sociale raggiunto dai Pepoli che, prima commercianti di stoffe e in seguito cambiavalute e banchieri, si erano notevolmente arricchiti fino a diventare una delle famiglie senatorie più in vista di Bologna.

Riapertura al pubblico dal 7 luglio 2020

ORARI

Da Lunedì al Sabato dalle ore 10:00 alle ore 19:00 (chiusura della biglietteria 30 min prima)

INFORMAZIONI DI ACCESSO

  • Non sarà consentito l’accesso al visitatore con sintomi influenzali.
  • Tutti i visitatori dovranno indossare mascherine e igienizzare le mani all’ingresso.
  • Un totem o il personale all’ingresso del sito forniranno le informazioni necessarie ai visitatori.
  • La vendita dei biglietti avviene esclusivamente presso la biglietteria della Pinacoteca Nazionale di Bologna (via delle Belle Arti, 56) durante i seguenti orari di apertura: mercoledì dalle ore 10:00 alle 19:00 e sabato dalle ore 10:00 alle 19:00. I biglietti potranno essere utilizzati per l’accesso a Palazzo Pepoli Campogrande durante i giorni seguenti all’acquisto. L'accesso per i possessori della Card Cultura potrà invece avvenire direttamente presso Palazzo Pepoli Campogrande.
  • L’ingresso al museo sarà contingentato in caso di numero eccessivo di visitatori
  • I visitatori appartenenti a nuclei familiari o a coppie potranno accedere insieme
  • I gruppi guidati potranno accedere fino ad un massimo di 8 componenti provvisti delle opportune dotazioni tecnologiche per evitare assembramenti.

Per ulteriori informazioni contattare 051 4209 442

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Monet e gli Impressionisti. I capolavori del Musée Marmottan Monet di Parigi arrivano a Bologna

    • dal 29 agosto 2020 al 14 febbraio 2021
    • Palazzo Albergati
  • Polittico Griffoni, prorogata la mostra “La Riscoperta di un Capolavoro” a Palazzo Fava

    • dal 19 maggio 2020 al 15 febbraio 2021
    • Palazzo Fava 
  • Tecnico per la promozione turistica specializzato nella progettazione e distribuzione di itinerari sostenibili

    • Gratis
    • dal 28 settembre 2020 al 30 luglio 2021
    • Nuovo Cescot ER
  • Resilienze Festival 2020-2021: "​Legami Invisibili​"

    • Gratis
    • dal 8 settembre 2020 al 31 maggio 2021
    • Vari luoghi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BolognaToday è in caricamento