Un presepe ritrovato dal Conservatorio di Santa Marta, in mostra al Museo Davia Bargellini

L'Istituzione Bologna Musei | Musei Civici d'Arte Antica organizzano al Museo Davia Bargellini una mostra dedicata al presepe bolognese tradizionale, in collaborazione con La Quadreria - Palazzo Rossi Poggi Marsili di ASP Città di Bologna.

Dal 4 dicembre al 15 gennaio, sarà visibile nel museo di Strada Maggiore la mostra “Un presepe 'ritrovato' dal Conservatorio di Santa Marta”.
La mostra verrà inaugurata sabato 3 dicembre alle ore 16.30 alla presenza di Bruna Gambarelli, assessore alla Cultura e progetto nuove centralità culturali nelle periferie; Massimo Medica, responsabile Musei Civici d'Arte Antica; Monsignor Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo di Bologna; Monsignor Eugenio Marzadori, presidente Opera Pia Davia Bargellini; Gianluca Borghi, Amministratore Unico ASP Città di Bologna.

L'esposizione, curata da Mark Gregory D'Apuzzo e Antonella Mampieri (Musei Civici d'Arte Antica) e Gioia e Fernando Lanzi (Centro Studi per la Cultura Popolare), presenta al pubblico un presepio di straordinaria importanza, di cui si erano perse le traccie. Si tratta di alcune statuette di epoca e qualità differenti emerse dai depositi dell'Opera Pia dei Poveri Vergognosi e provenienti dal Conservatorio femminile di Santa Marta.

Il gruppo, esposto dopo un primo intervento di restauro, si compone di sette sculture in terracotta, dalla policromia ottimamente conservata. Ne fanno parte due “Angeli in piedi”, di alta qualità esecutiva, databili entro il primo decennio dell'Ottocento, due gruppi di “Pastori” avvicinabili nello stile a Domenico Piò, due gruppi (“Nonna e Bambino” e “Fanciulla con Liuto”, sec. XIX) di esecuzione più corsiva, ma significativi dal punto di vista iconografico, e una “Natività”, firmata dal plasticatore bolognese attivo nell'Ottocento Gaetano Catenacci.

Accanto a loro sono presentati, in un percorso che tocca molte delle sale del museo, vari gruppi in terracotta di area bolognese, che solitamente sono parte integrante della collezione permanente, ma in questa occasione sono accostati in modo differente, in quella continua opera combinatoria che è l'allestimento di un presepe.

Fra questi si possono ammirare una serie di quattro statue in terracotta policroma di Gaetano Catenacci (“Madonna con Bambino”, “San Giuseppe”, “Uomo che si toglie il cappello”, “Vecchio con boccale alla cintura”), una “Madonna con Bambino” di Giacomo De Maria, un “San Giuseppe” di Angelo Piò e uno di scuola di Filippo Scandellari, un “Pastore inginocchiato” di Filippo Scandellari.

Allo stesso tempo la provenienza delle sculture offre l'opportunità per attirare l'attenzione dei visitatori sulle straordinarie opere ricamate prodotte dalle Putte di Santa Marta e sulla funzione sociale dei Conservatori e delle Opere Pie bolognesi.


 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • “Criminis Imago. Le immagini della criminalità a Bologna”: la mostra riapre a febbraio 2021

    • dal 1 febbraio al 27 giugno 2021
    • Santa Maria della Vita
  • Vittorio Corcos, "Ritratti e Sogni": la mostra a Palazzo Pallavicini

    • dal 2 febbraio al 27 giugno 2021
    • Palazzo Pallavicini
  • "Criminis Imago. Le immagini della criminalità a Bologna"

    • dal 23 ottobre 2020 al 27 giugno 2021
    • Oratorio di Santa Maria della Vita

I più visti

  • Tecnico per la promozione turistica specializzato nella progettazione e distribuzione di itinerari sostenibili

    • Gratis
    • dal 28 settembre 2020 al 30 luglio 2021
    • Nuovo Cescot ER
  • “Criminis Imago. Le immagini della criminalità a Bologna”: la mostra riapre a febbraio 2021

    • dal 1 febbraio al 27 giugno 2021
    • Santa Maria della Vita
  • Resilienze Festival 2020-2021: "​Legami Invisibili​"

    • Gratis
    • dal 8 settembre 2020 al 31 maggio 2021
    • Vari luoghi
  • Vittorio Corcos, "Ritratti e Sogni": la mostra a Palazzo Pallavicini

    • dal 2 febbraio al 27 giugno 2021
    • Palazzo Pallavicini
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BolognaToday è in caricamento