Rocca di Dozza: sabato 25 luglio inaugurazione della mostra pittorica “Trecento”

Sabato 25 Luglio, alle ore 18 la Rocca di Dozza aprirà le proprie sale espositive al pubblico per l’inaugurazione e presentazione della mostra “Trecento”.
La mostra- che sarà visitabile fino al 13 Settembre 2020 –curata dalla Fondazione Luciano Bertacchini e da Ermanno Pavesi, vicesindaco di Monzuno, è un omaggio alle opere di Luciano Bertacchini, Giuseppe Gagliardi e Norma Mascellani; tre grandi maestri del panorama artistico bolognese legati tra loro dalle affinità “chiariste” e dalla partecipazione al muro dipinto di Dozza.

“Trecento è la mostra che, dopo l’esordio nel Comune di Monzuno nel 2018, approda all’interno delle sale espositive della Rocca di Dozza. Una mostra importante -dichiara Simonetta Mingazzini, Presidente della Fondazione- voluta ed attesa dalla Fondazione Dozza Città d’Arte in quanto consente di consolidare rapporti di collaborazione già intrapresi da tempo e di valorizzare la ‘donazione Mascellani’. La mostra ha ottenuto inoltre il patrocinio dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna.

Luciano Bertacchini, Giuseppe Gagliardi e Norma Mascellani– continua Simonetta Mingazzini- sono stati artisti di rilievo e di lungo corso, segnando percorsi artistici paralleli nell’ambito del medesimo territorio (bolognese) e della stessa epoca (il Novecento). Grazie a questa mostra, seppur scomparsi da tempo, compiono un significativo e simbolico ‘ritorno’ a Dozza, in quanto tutti e tre hanno contribuito ad arricchire il patrimonio e la storia della Biennale del Muro dipinto di Dozza, la nota manifestazione che sin dagli anni Sessanta ha consacrato la vocazione artistica dell’antico Borgo medievale, rendendolo un autentico museo a cielo aperto.

Gagliardi partecipò infatti a ben quattro annate del Muro Dipinto (1960, 1961, 1964, 1987) ed è sua l’unica
opera più antica rimasta, un affresco risalente alla prima edizione, nel 1960.
Luciano Bertacchini, artista e critico d’arte, fu nominato membro delle commissioni per ben tre edizioni
consecutive, a partire dal 1962.
Norma Mascellani, artista già particolarmente affermata e invitata nell’edizione del 1995, realizzò in
quell’anno il dipinto dal titolo ‘San Giorgio’, collocato proprio sotto il loggiato del palazzo comunale donando nell’occasione, allo stesso Comune di Dozza, una preziosa collezione di opere da lei realizzate, che la Fondazione Dozza Città d’Arte ha recentemente riallestito in una esposizione permanente all’interno della
Rocca e che oggi risultano ulteriormente valorizzate nella mostra Trecento”.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Monet e gli Impressionisti. I capolavori del Musée Marmottan Monet di Parigi arrivano a Bologna

    • dal 29 agosto 2020 al 14 febbraio 2021
    • Palazzo Albergati
  • Polittico Griffoni, prorogata la mostra “La Riscoperta di un Capolavoro” a Palazzo Fava

    • dal 19 maggio 2020 al 15 febbraio 2021
    • Palazzo Fava 
  • "Criminis Imago. Le immagini della criminalità a Bologna"

    • dal 23 ottobre 2020 al 21 gennaio 2021
    • Oratorio di Santa Maria della Vita

I più visti

  • Monet e gli Impressionisti. I capolavori del Musée Marmottan Monet di Parigi arrivano a Bologna

    • dal 29 agosto 2020 al 14 febbraio 2021
    • Palazzo Albergati
  • Polittico Griffoni, prorogata la mostra “La Riscoperta di un Capolavoro” a Palazzo Fava

    • dal 19 maggio 2020 al 15 febbraio 2021
    • Palazzo Fava 
  • Tecnico per la promozione turistica specializzato nella progettazione e distribuzione di itinerari sostenibili

    • Gratis
    • dal 28 settembre 2020 al 30 luglio 2021
    • Nuovo Cescot ER
  • Resilienze Festival 2020-2021: "​Legami Invisibili​"

    • Gratis
    • dal 8 settembre 2020 al 31 maggio 2021
    • Vari luoghi
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BolognaToday è in caricamento