Eventi

Romeni, moldavi, rom e italiani pregano insieme

Sarà emozionante osservare come romeni, moldavi, rom ed italiani (che hanno imparato il romeno) saranno seduti l'uno accanto all'altro in un'atmosfera di fratellanza a prescindere dalla loro nazionalità, razza, ceto o cultura.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Domenica 7 maggio 2017 sono previsti 800 partecipanti, nella Sala delle Assemblee di Imola in Via Giulio Pastore 1, al Congresso dei Testimoni di Geova in lingua romena dal tema: "Continuiamo ad amare Geova". Il programma inizierà alle 9,40 e terminerà alle 15,55. Saranno presenti delegati provenienti dall'Emilia Romagna, Toscana e Marche. Questo congresso metterà in risalto quanto sia importante amare il proprio Dio e cosa comporta questo. Inoltre evidenzierà come tale amore ha un impatto sociale profondo nelle nostre relazioni, soprattutto con i nostri familiari. Nella mattinata, emozionante sarà il momento del battesimo che darà il benvenuto a coloro che hanno deciso di simboleggiare la propria dedicazione a Dio con l'immersione in acqua. Pensate che ad oggi i Testimoni di Geova sono più di 8.000.0000 in tutto il mondo conosciuti e stimati in qualità di persone oneste e pacifiche. Ecco perché di recente è stata fonte di perplessità, rilevata da tutti i media mondiali, che in Russia siano accusati di "estremismo". A causa di ciò, da qualche settimana, la libertà religiosa e di espressione di 170.000 cittadini russi è stata proscritta. Partecipare a questo congresso aiuterà molti ad avere le idee più chiare su chi sono e cosa fanno i Testimoni di Geova. Ecco perché siete caldamente invitati. L'ingresso è libero e non si fanno collette. Per ulteriori informazioni contattare: Antonio Giannini Tel. 349 8781775 @mail gianninistamparomena@gmail.com Tommaso Capparelli Tel. 320 6990127 @mail capparellistamparomena@gmail.com O visitare il sito: www.jw.org

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Romeni, moldavi, rom e italiani pregano insieme

BolognaToday è in caricamento