Martedì, 15 Giugno 2021
Eventi Navile / Via Sebastiano Serlio

I gangster dello swing fanno strage: "Mani in alto, arrivano i Good Fellas"

La band di Mr Lucky Luciano al Locomotiv Club per i suoi primi vent'anni: pista incandescente, tornano i Fabulous Fifties e la brillantina

Armati di stile e brillantina i "gangster dello swing" hanno fatto saltellare una pista di anacronistici ballerini di Lindy Hop e Boogie, roteare le gonne a pois, oscillare le banane alla "Grease" e conquistato chi ancora non li conosceva: è accaduto tutto al Locomotiv Club, al live Good Fellas “20th Anniversary”. Vent'anni di musica, 9 artisti sul palco, il fascino intramontabile degli Anni Quaranta e Cinquanta e persino l'incursione fuori programma del bluesman Gaetano Pellino (musicista di fama internazionale e fratello di Neffa ndr) accolto sul palco dalla band e messo subito all'opera, chitarra alla mano.

"Questa è una storia di swing". Un viaggio fantastico dentro una favola multicolore, dove gli ingredienti principali sono la musica, la passione, i buoni sentimenti e l'amore per il proprio paese. Corre l'anno 1993 quando, il forlivese Stelio Lacchini alias "Mr. LUCKY LUCIANO" guardato a vista dalla sua guardia del corpo, il bolognese Fabrice Casadei in arte "BUM BUM LA MOTTA", lascia dopo esperienza decennale "THE JUMPIN'SHOES", storica band di rock'n'roll, e decide di gettarsi a capofitto in quel vortice di swing italo-americano che da origine ai "Gangsters dello Swing": THE GOOD FELLAS.

"Quando si nasce nel paese del sole e dell’allegria non è difficile essere contagiati dalla musicalità, dalla voglia di divertire e divertirsi, dai buoni sentimenti. Il Mondo intero da sempre ama il nostro popolo, la nostra arte, il nostro calore. Da queste solide radici parte l'esperienza dei "Bravi Ragazzi". Un repertorio italo-americano che comprende Carosone, Buscaglione, Sinatra, Louis Prima, Lou Monte, lo swing afro americano di Louis Jordan e Big Joe Turner, ed il rock’n’roll di Bill Haley; brani originali e cover hanno conquistato il cuore delle platee di tutta Europa, e gli ascoltatori di tutto il Mondo. RAY GELATO, famoso crooner italo-angloamericano, li considera la migliore band del genere (GUARDA IL VIDEO).

PERCHE' I 'FIFTIES'. In quegli anni Elvis Preslley consacra il rock'n roll, comincia la corsa verso lo spazio, la cinematografia è al top, sia in Italia che negli Usa, e il maccartismo combatte lo spionaggio e il comunismo russo, entrando in pieno nel periodo della 'guerra fredda', un trentennio ufficialmente concluso con la caduta del Muro di Berlino alla fine del 1989. Ma è stata soprattuto la ricostruzione, dopo due sanguinose guerre e rovine economiche: la voglia di ricominciare e, perchè no, di divertirsi. Se negli Stati Uniti si ballava nei club, in Italia si affermano le balere e a Bologna la 'filuzzi', interpretazione felsinea del liscio romagnolo. Una fascinazione che torna prepotentemente nella musica, nel ballo e nel desiderio di 'rinascita': la recessione che dal 2008 colpisce il nostro paese forse alla base di questa 'new-age', della distensione di nicchia. Voglia di ricostruzione e spionaggio sono argomenti del tutto attuali: se allora le spie si camuffavano da dissidenti o collaborazionisti, oggi impazzano a suon di datagate e le intelligence si sorvegliano attraverso i satelliti.

I GOOD FELLAS Hanno suonato in Italia, Francia, Svizzera, Germania, Regno Unito, Olanda, Belgio, e ai più importanti festival di musica fifities. Hanno partecipato più volte ad affermate trasmissioni televisive, tour teatrali, film. Dal vivo, lo spettacolo ha il sapore degli show di Las Vegas, nati dallo stile di Louis Prima. Musica, intrattenimento, cabaret, coinvolgimento diretto del pubblico. Uno show nato sotto i riflettori dei grandi casinò della “città di spettacolo più grande del Mondo”, che i Good Fellas portano nelle sale da gioco della vecchia Europa, da Saint Vincent a Campione, da Nova Gorica a Lucerna. Sempre a cavallo tra il serio e la burla, lo spettacolo non conosce soste; il ritmo irrefrenabile, il calore, lo scherzo. Tutti elementi che contribuiscono a ridare al pubblico l'elemento fondamentale di uno show godibile; la gioia dell'essere intrattenuti con allegria; la libertà di abbandonarsi al ballo, al sorriso, all'atmosfera di festa.

CHI SONO I GOOD FELLAS:

Mr. LUCKY LUCIANO - Founder and Owner of The Good Fellas Band; Double Bass, Fender Bass and Vocals
FABRAIS BUM BUM LA MOTTA - Partner in Crime; Drummin' Man
JIMMY GENNARO - Piano, Hammond Organ
RICO ROMANO - Trumpet, Vocals, Flugelhorn, Ukulele, Arrangements
BENNY THE CAT MARSALA - Saxophones, Clarinet, Flute, Arrangements
CHARLIE MARTINO - Trumpet, Vocals, Blues Harp
NICK SALERNO - Guitars
J.J. DI GIACOMO - Trombone

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I gangster dello swing fanno strage: "Mani in alto, arrivano i Good Fellas"

BolognaToday è in caricamento