"Visioni d'acqua"

“Per fare delle buone fotografie, non serve andare fino in capo al mondo, basta saper vedere quello che la maggior parte delle persone non vede. E questo può succedere anche dietro casa”. Questo ha detto il grande fotografo naturalista John Shaw ed è quello che penso anch’io.
Per fotografare città e persone (nello specifico le foto della mia precedente personale, intitolata “A Misura d’Uomo”) ho dovuto e voluto viaggiare per trovare i soggetti adatti. Per questa mostra, invece, i soggetti li avevo dietro casa, bastava vederli con certi occhi. Dietro casa intendo, nella quasi totalità dei casi, sull’alto Appennino Bolognese e, in qualche situazione, in quello Modenese. La zona delle Cascate del Dardagna, a valle del Corno alle Scale, è stata fonte d’ispirazione e mi ha procurato i soggetti che ho riportato su carta. Molto spesso sono partito con zaino fotografico e un pesante cavalletto sulle spalle, in tutte le stagioni dell’anno, per puntare a fare una singola foto che avevo previsualizzato in precedenza. Alle volte è andata bene, altre volte è andata male, ma ho sempre portato a casa qualcosa in termini di immagini interessanti, anche se non utilizzate.

L’acqua, così come il fuoco, è, allo stesso momento, sempre uguale, ma sempre diversa. Gli scatti effettuati allo stesso soggetto, nello stesso momento, ma variando in maniera minima la posizione della fotocamera, possono dare un risultato completamente diverso. Così come fotografando dalla stessa posizione, ma con luce leggermente diversa. In questo modo ho avuto la possibilità di scegliere tra centinaia di scatti completamente originali. E quindi le immagini presentate in questa mostra sono la finalizzazione di anni di escursioni, molto spesso nella stessa zona, ma con clima, luce e motivazioni diverse. Il risultato è questo, assai diverso nella concezione rispetto a quello dell’ultima esposizione che ho presentato, ma se la base di partenza è così diversa, è giusto che lo sia anche il risultato all’arrivo.
Una prerogativa di questa mostra è il movimento; anche nelle poche immagini con soggetto statico, la sensazione è la presenza di qualcosa di vitale, di pulsante, forse perché l’acqua (nelle sue varie forme) è rappresentazione di vita.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Immagini veramente belle e suggestive

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Monet e gli Impressionisti. I capolavori del Musée Marmottan Monet di Parigi arrivano a Bologna

    • dal 29 agosto 2020 al 14 febbraio 2021
    • Palazzo Albergati
  • Etruschi, viaggio nelle terre dei Rasna al Museo Civico Archeologico

    • dal 7 dicembre 2019 al 29 novembre 2020
    • Museo Civico Archeologico
  • De Chirico oltre il quadro. Manichini e miti nella scultura metafisica diventa permanente

    • dal 1 gennaio al 31 dicembre 2020
    • Museo Magi'900

I più visti

  • Monet e gli Impressionisti. I capolavori del Musée Marmottan Monet di Parigi arrivano a Bologna

    • dal 29 agosto 2020 al 14 febbraio 2021
    • Palazzo Albergati
  • “I Giardini del Baraccano”: tanti eventi dal 30 giugno al 18 settembre

    • Gratis
    • dal 30 giugno al 18 settembre 2020
    • Giardino del Baraccano
  • Etruschi, viaggio nelle terre dei Rasna al Museo Civico Archeologico

    • dal 7 dicembre 2019 al 29 novembre 2020
    • Museo Civico Archeologico
  • Certosa di Bologna, il calendario estivo: dal 18 giugno al 3 novembre 2020

    • dal 18 giugno al 3 novembre 2020
    • Certosa di Bologna
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    BolognaToday è in caricamento