menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
PH Marianna Sparano, FB Pontelungo

PH Marianna Sparano, FB Pontelungo

I 10 eventi da non perdere questo weekend

Serate, cinema, musica e teatro qua e là in città e in provincia: una serie di appuntamenti selezionati per questo fine settimana

E anche questa settimana è andata. Per chi era al lavoro e per chi rientra dalle ferie Bologna è in fermento con le sue proposte per il tempo libero. Serate all'aperto davanti a uno schermo, a un palco, con le orecchie ben tese ad ascoltare musica di ogni genere. Dalle Torri alla provincia, ecco i nostri suggerimenti per il fine settimana. 

1. "La grande guerra" di Monicelli in Piazza Maggiore e al BarcArena

Sabato 8 agosto "La grande guerra" di Monicelli in Piazza Maggiore e al BarcArena(Ita-Fra/1959) di M. Monicelli (129’). Appuntamento alle 21.30 (necessaria la prenotazione).  Sono molti i motivi che hanno contribuito a fare della Grande guerra un caposaldo del cinema italiano: il coraggio e l’esattezza, allora rari e da più parti sgraditi, con cui mostra il conflitto del 1915-18 come un calvario nemmeno sfiorato dalla retorica falsificante (“il capovolgimento dell’immagine di una guerra eroica, intangibile, enricototesca”, nelle parole del regista); il perfetto gioco d’equilibrio tra commedia e dramma ordito da Monicelli, Age e Scarpelli; la gara di bravura tra Sordi e Gassman, affiatatissimi e complementari; la profondità umana che scaturisce dalla pletora dei “personaggi di contorno” (Mangano, Blier, Lulli, Murgia...). Ma quel che più ci piace sottolineare, è l’impressione, ancora oggi intatta, di grande cinema, capace di sfidare apertamente gli americani sul piano della forza delle immagini, facendo dello schermo un universo in cui gli occhi non finiscono più di esplorare, e da cui il racconto sembra sorgere come naturale conseguenza. È questa una prerogativa degli uomini di cinema più grandi.
Andrea Meneghelli

L’impostazione satirica di La grande guerra faceva parte di mie precise convinzioni. Dal momento che mi ritrovavo per le mani quel soggetto non potevo, che girarlo in quel modo, e non a caso scelsi Sordi e Gassman che aveva avuto un successo clamoroso nei Soliti ignoti. Per questo lavoro ebbi delle grandi difficoltà perché era un film che doveva essere comico, malgrado i morti e tutto il resto, e la produzione, il noleggio e la distribuzione non volevano assolutamente accettare che i due protagonisti, due comici, finissero fucilati, dato che nei film comici esiste la regola del lieto fine. Ci fu una lunga lotta per fare accettare questa innovazione. A ogni riunione tutti votavano pollice verso. All’inizio non ero d’accordo su una coppia d’attori, volevo un solo protagonista al centro della storia, ma pian piano mi sono convinto, anche perché il richiamo spettacolare di Sordi e Gassman era allora molto ma molto grosso. Ma il film è rimasto, credo, un film corale, e un film su una massa di gente, soprattutto di origine contadina, che per quattro anni combatte una guerra assurda. Non ebbi difficoltà con gli attori, ma piuttosto con il produttore, che mi tempestava di telegrammi durante la lavorazione perché voleva che Sordi e Gassman campeggiassero di più, emergessero di più. E devo dire che anche la campagna di stampa che si scatenò all’annuncio del film poi si placò, anche perché ci furono letture della sceneggiatura da parte di alti militari, iniziative varie, di De Laurentiis, e i contrasti vennero messi a tacere da un’ala più ‘illuminata’ che aveva capito il significato del finale. Ma ancora toccare Caporetto era un tabù, e la grande guerra era avvolta nella retorica più fastidiosa e sciocca. (Mario Monicelli)

2. Le Train Bleu in concerto per il Porretta Prog Festival

Il Porretta Prog presenta Le Train Bleu in concerto. Durante la serata verrà raccontata la storia del Porretta Prog Festival attraverso la voce dei direttori artistici. Sul palco: Le Train Bleu: Marco Coppi, flauto; Gianni Landroni, chitarre; Roberto “Red” Rossi, batteria e percussioni; Tiziano Barbieri, contrabbasso e basso elettrico In caso di pioggia l’evento verrà annullato o compatibilmente con il calendario eventi, spostato. Per info: Ufficio IAT Alto Reno Terme 0534 521103. e-mail: iat@comune.altorenoterme.bo.it

3. Il fascino del Drive-in all'ex Zuccherificio di Molinella

All'ex Zuccherificio Di Molinella l’irripetibile esperienza del vero Drive-in: uno schermo gigante, ottima qualità audio su frequenza FM dedicata, punto ristoro Sugar Baby con Hamburgher, Hot Dog, patatine e una programmazione cinematografica per tutti i gusti (ore 21.15). Venerdì 9 agosto è la volta del film "1917" e sabato 8 agosto di  "Trolls". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

Attualità

700 anni dalla morte di Dante, il rapporto con la città: "Prima l'amore, poi i bolognesi all'inferno. Conosceva il dialetto"

social

Oggi è il Blue Monday: il giorno più triste dell'anno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Chioschi a Bologna e provincia: la nostra mini guida

  • social

    Ricette antifreddo: la Zuppa boscaiola

  • Eventi

    "Playlist", il meglio dell'arte quando ArteFiera si ferma

Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento