Andrea Segrè e Matteo Zuppi presentano: "Le parole del nostro tempo"

Due autori, due chiavi di lettura, un filo rosso comune nell’impegno per la riflessione sul nostro tempo: il cardinale Matteo Zuppi e l’agroeconomista Andrea Segrè si interrogano sui profondi cambiamenti in corso e sul nostro futuro. “Le parole del nostro tempo”, in uscita giovedì 8 ottobre per edizioni Dehoniane, è uno sguardo rivolto al futuro. Cosa rimarrà della drammatica esperienza della pandemia che ha colpito e che tuttora tiene sotto assedio il mondo intero? Come coglierne anche i tratti positivi per guardare a nuovi stili di vita per il tempo che verrà? A partire dalle parole che più usiamo nel nostro lessico quotidiano si confrontano due prospettive – una spirituale e religiosa, l'altra laica e scientifica – che nel discorso si integrano e forniscono al lettore un quadro di riferimenti e di valori per vivere il nostro nuovo tempo.

Il dialogo intorno ai temi dello sviluppo sostenibile coinvolge da alcuni anni i due autori: dallo spreco alimentare all’inclusione sociale, le questioni all’ordine del giorno - sul territorio e in Italia, così come sul pianeta - sono elemento centrale nella riflessione di Matteo Zuppi e di Andrea Segrè, così come nel confronto reciproco. «Nel tempo sospeso della pandemia co­vid-19, osservando i cambiamenti in corso, ci siamo adesso inter­rogati sul futuro  - spiegano - Cosa rimarrà di questa esperienza dramma­tica che tutto il mondo sta vivendo? Come coglierne anche i tratti positivi, quelli che ci possono permettere di uscire dalla «nor­malità» delle nostre esistenze di prima e guardare a nuovi stili di vita e di parteci­pazione sociale e comunitaria? Come far sì che da questa crisi emerga la consapevo­lezza di un cambiamento reale che ci aiuti a ridurre i tanti squilibri e le ingiustizie del nostro mondo contemporaneo?  Sprecare la crisi sarebbe, crediamo, l’er­rore più grande che potremmo commettere. Troviamo le risposte a queste domande, non tutte certo ma almeno una parte, nel­le parole che più usiamo nel nostro lessico quotidiano».

Ecco dunque che Matteo Zuppi e Andrea Segrè hanno scelto 11 parole, «consapevoli che non rappresentano il nostro universo culturale e relazionale, ma che, a ben ve­dere, delineano gli aspetti principali del nostro modo di essere, di avere, di vivere, di credere. Normalità, Relazione, Lavoro, Consumo, Ambiente, Cibo, Integrazione, Globalizzazione, Povertà, Economia, Eti­ca comprendono, in questo lessico spesso dislessico, gli squilibri e le ingiustizie che hanno reso il mondo precario e insicuro, ben prima dell’emergenza covid-19».

Per questo «esercizio» di reciproca ridefinizione delle “parole del nostro tempo” gli autori hanno così messo a confronto le loro prospettive – una spirituale-religiosa, l’al­tra laica-scientifica – che nel discorso si in­tegrano e forniscono al lettore un quadro di riferimenti e di valori per vivere il no­stro nuovo tempo. Un tempo sospeso che, se riconosciuto e compreso, sarà stato ben speso e occasione per promuovere un cambiamento cui l’urgenza di tanti fe­nomeni in corso, dai mutamenti climatici all’aumento delle disuguaglianze, chia­ma all’azione tutti i cittadini del mondo.

“Le parole del nostro tempo” (Collana P 6 Lapislazzuli Pagine 136 Euro 10,00) sarà in libreria da giovedì 8 ottobre per Edizioni Dehoniane Bologna e si presenterà martedì 6 ottobre (ore 19, Teatro Dehon Bologna), alla presenza degli autori, Matteo Zuppi e Andrea Segrè, con il curatore Pier Luigi Cabri.

Matteo Zuppi, cardinale, è arcivescovo di Bologna. Parroco a Roma nel rione di Trastevere e nella borgata di Torre Angela, è stato assistente ecclesiastico generale della Comunità di Sant’Egidio e poi vescovo ausiliare di Roma. Tra le sue pubblicazioni recenti: La confessione. Il perdono per cambiare (San Paolo 2010), Guarire le malattie del cuore. Itinerario quaresimale (San Paolo 2013) e Odierai il prossimo tuo come te stesso (con Lorenzo Fazzini, Piemme 2019).

Andrea Segrè, professore di Politica agraria internazionale e comparata all’Università di Bologna, ha rappresentato l'Italia all’Ocse, ideato il progetto Last Minute Market per il recupero a fini benefici dei beni alimentari e non alimentari rimasti invenduti. Ed è fondatore della campagna di sensibilizzazione Spreco Zero Fra le sue pubblicazioni recenti: Il gusto per le cose giuste. Lettera alla generazione Z (Mondadori 2017), Il metodo spreco zero (Rizzoli 2019) e il racconto scientifico-letterario A che ora è la fine del mondo. Scivolando verso il futuro (con I. Pertot, Edizioni Ambiente 2020).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Promozioni, potrebbe interessarti

  • Due torri e infinite stelle - Marianna Brogi - aughedizioni

    • solo oggi
    • Gratis
    • 23 ottobre 2020
    • Mercato Albani
  • "Figlia di una vestaglia blu": Simona Baldanzi

    • Gratis
    • 30 ottobre 2020
    • Mercato Albani

I più visti

  • Monet e gli Impressionisti. I capolavori del Musée Marmottan Monet di Parigi arrivano a Bologna

    • dal 29 agosto 2020 al 14 febbraio 2021
    • Palazzo Albergati
  • Etruschi, viaggio nelle terre dei Rasna al Museo Civico Archeologico

    • dal 7 dicembre 2019 al 29 novembre 2020
    • Museo Civico Archeologico
  • Certosa di Bologna, il calendario estivo: dal 18 giugno al 3 novembre 2020

    • dal 18 giugno al 3 novembre 2020
    • Certosa di Bologna
  • De Chirico oltre il quadro. Manichini e miti nella scultura metafisica diventa permanente

    • dal 1 gennaio al 31 dicembre 2020
    • Museo Magi'900
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    BolognaToday è in caricamento