Formazione: 306 progetti per imprenditori, manager e professionisti

Un impegno della Regione per aumentarne le competenze necessarie a disegnare, attivare e consolidare strategie di innovazione

La Regione Emilia finanzia, con quasi 15 milioni di euro, di cui 10 del Fondo sociale europeo,  79 corsi della Rete politecnica finanziati dalla Regione con l’obiettivo di fornire ai giovani competenze tecniche e tecnologiche richieste dalle imprese. Non solo, anche 306 progetti formativi rivolti ad imprenditori, manager e professionisti, finanziati con altri 10 milioni del Fse (che con il cofinanziamento di privati diventano oltre 12,6 milioni), per aumentarne le competenze necessarie a disegnare, attivare e consolidare strategie di innovazione. Tutto questo è il pacchetto di percorsi formativi che si svolgeranno a partire dal prossimo autunno in tutta l’Emilia-Romagna.

306 percorsi

Per chi già lavora sono disponibili 306 percorsi, finalizzati ad accompagnare, anche singolarmente, le imprese al trasferimento delle competenze acquisite in aula in modalità gestionali e organizzative all’interno dell’azienda, così come riportato sul sito della Regione Emilia Romagna. 

Dopo un primo bando approvato nel 2016 (10 milioni di euro, 19mila partecipanti e 4mila imprese coinvolte, di cui il 97% piccole e medie), la Regione ha approvato un nuovo bando, per dare a imprenditori, figure chiave delle imprese e professionisti (ordinistici e non) le competenze necessarie per disegnare, attivare e consolidare strategie di innovazione che puntino ad incrementare il profilo competitivo del sistema manifatturiero e delle imprese che operano nell’ambito dei servizi alle persone, turismo e commercio.

L’offerta formativa è stata progettata con l’obiettivo di incrementare il valore aggiunto dei prodotti e dei servizi, individuarne di nuovi, identificare nuovi bisogni, aprire nuovi mercati; incrementare la qualità dei prodotti e dei servizi anche rispondendo alla domanda di personalizzazione.

Due gli ambiti: manifattura e servizi connessi e servizi alle personeturismo e commercio. Sul primo, si lavorerà per acquisire competenze necessarie a combinare diverse tecnologie per integrare la fabbrica e le filiere produttive in modo da renderle un sistema integrato, connesso, in cui macchine, persone e sistemi informativi collaborano fra loro per realizzare prodotti, servizi e ambienti di lavoro più intelligenti.

Sul secondo ambito, turismo e commercio, si punterà a fare acquisire competenze necessarie a definire e perseguire processi di qualificazione e innovazione del sistema regionale dell’accoglienza e per garantire qualità alle città e ai territori dell’Emilia-Romagna.

I percorsi saranno di formazione continua e azioni non corsuali per accompagnare le realtà imprenditoriali, anche singolarmente, al trasferimento delle competenze acquisite in aula in comportamenti e modalità gestionali nelle organizzazioni di lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia Romagna: maxi concorso per l'assunzione di 138 vigili urbani

  • Iscrizioni scuola dell’infanzia 2020/21: tutte le date e come fare

  • Castel San Pietro, scuola 'Scappi': per gli alunni niente più sanzioni disciplinari ma lavori socialmente utili

  • OrientEr: online i corsi di formazione finanziati dalla Regione

  • Alta formazione: dalla Regione la nuova borsa di studio dedicata a Marco Biagi

  • Scuola: gli studenti italiani 'non sanno leggere', e 1 su 4 non arriva alla sufficienza in scienze

Torna su
BolognaToday è in caricamento