Digitale, imparare a usare smartphone e pc: dalla Regione 2 nuovi corsi online gratis

Sono stati 670 i cittadini e più di mille gli studenti che da aprile a oggi hanno preso parte ai corsi e ai webinar online

Si arricchisce ulteriormente l’offerta formativa di Pane e Internet, il progetto di alfabetizzazione digitale della Regione Emilia-Romagna realizzato con l’obiettivo di sviluppare le competenze dei cittadini: arrivano infatti le nuove edizioni dei corsi online, che sostituiscono gli incontri in presenza nei “Punti Pane e Internet” diffusi su tutto il territorio, sospesi a causa dell’emergenza Coronavirus.

Un’attività, quella della formazione a distanza legata al lockdown, che ha avuto un buon riscontro: sono stati infatti 670 i cittadini e più di 1.000 gli studenti che da aprile a oggi hanno preso parte ai corsi e ai webinar online.  E in arrivo videolezioni, seminari interattivi, ora anche corsi online, gratuiti e aperti a tutti, per imparare a usare, o per usare meglio, smartphone e pc.

Come si partecipa

I due nuovi percorsi formativi  prenderanno il via a giugno,e  per partecipare basta compilare la scheda di iscrizione presente sul sito, e gli iscritti saranno quindi contattati dalla segreteria organizzativa che fornirà tutte le indicazioni relative all’avvio delle lezioni, con date, orari e nominativo del docente.

I due nuovi corsi online

Il corso di alfabetizzazione online di 1° livello introduce all’uso dello smartphone. I partecipanti, dopo un primo modulo introduttivo via WhatsApp in cui riceveranno assistenza per accedere alle successive videolezioni, impareranno a usare la posta elettronica, gestire lo spam, riconoscere truffe e sapere come tutelare la privacy. Il programma prevede quindi un modulo sulla navigazione, la ricerca di informazioni e contenuti digitali, con un’attenzione particolare su come evitare le fake news, e un altro sulla gestione dello smartphone e delle applicazioni. Per accedere al corso basta avere uno smartphone con WhatsApp e la connessione a Internet.

Il corso di alfabetizzazione online di 2° livello al pc è rivolto a chi vuole acquisire maggiore autonomia ed è già dotato di una propria casella di posta elettronica e di un computer con connessione, microfono e webcam. Tra gli argomenti che saranno trattati i sistemi di videochat, i social network, l’uso di browser, motori di ricerca e programmi di videoscrittura.

L’uso di Internet in Emilia-Romagna

In Emilia-Romagna aumenta l’uso di Internet, ma il 40% degli internauti emiliano-romagnoli ha competenze digitali basse: lo smartphone trascina l’uso di Internet, tuttavia 3 famiglie su 5 che non hanno Internet dichiarano di non saperlo utilizzare. La messaggeria istantanea è l’attività più diffusa sul web e 6 internauti emiliano-romagnoli su 10 fanno acquisti online. La maggior parte delle famiglie senza accesso a Internet da casa (circa 420.000) indica come principale motivo la mancanza di capacità (62%, circa 260.000 famiglie) e il 33% (circa 140.000 famiglie) non considera Internet uno strumento utile e interessante (Rapporto Istat 2019, rielaborazione dati Ader-Agenzia delle Entrate Riscossione).

I numeri di Pane e Internet: in 10 anni 41mila cittadini coinvolti

Dal 2009, anno in cui è stato lanciato, a fine 2019, il progetto Pane e Internet ha coinvolto 41mila cittadini dell’Emilia-Romagna nelle attività formative di alfabetizzazione e di cultura digitale proposte in 74 Comuni del territorio. In particolare, sono state realizzate 1.874 attività, di cui 1.317 corsi per cittadini privi di competenze digitali.

Nel solo 2019, Pane e Internet ha garantito 263 attività formative, di cui 98 corsi e 165 eventi di cultura digitale, che hanno raggiunto 5.904 cittadini. Da aprile, a seguito del lockdown per l’emergenza Coronavirus, tutte le attività sono state riconvertite in corsi e in webinar online, a cui a oggi hanno partecipato 670 cittadini e più di 1.000 studenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formazione: nasce l'Associazione "Scuola Politecnica Its dell'Emilia-Romagna"

  • Castenaso:una quercia per ogni scuola

Torna su
BolognaToday è in caricamento