Avrò cura di te: il nuovo progetto di Ateneo destinato alla comunità Unibo

Nuove misure per promuovere la conciliazione vita-lavoro di chi lavora e studia all'Università di Bologna: il servizio, presentato in Senato, intende garantire un supporto specialistico di tipo psicologico al ruolo di cura

"L’Ateneo di Bologna ha consapevolezza dell’importanza che il ruolo di cura, in una prospettiva intergenerazionale, riveste nella vita quotidiana. Supportare le persone in questi specifici momenti, significa affrontare responsabilmente un cambiamento importante e agevolare la costruzione di modelli di equilibrio tra la vita professionale e quella privata. Diversi sono i bisogni che possono emergere, quali una maggiore conoscenza in merito alle specifiche situazioni e l’acquisizione di competenze funzionali alla gestione, all’adattamento al nuovo ruolo e all’equilibrio tra i diversi ruoli".

Così l'Alma Mater che in questa prospettiva promuove il progetto sperimentale di supporto psicologico  “Avrò cura di te”, di durata biennale (2020-2021), rivolto all’intera comunità universitaria (ricercatori/trici, docenti, TA, comunità studentesca).

Alma Mater: nuovo inizio, nuova era. Così ora si torna a fare lezione in presenza | VIDEO 

"L’azione si è resa ancora più necessaria in seguito all’emergenza sanitaria, causata dalla pandemia del Covid-19 - sottolineano dall'Ateneo - che ha rappresentato un ulteriore aggravio per i potenziali utenti della comunità universitaria, in quanto la chiusura e la riduzione della disponibilità dei servizi ha comportato un aumento dell’impegno e la necessità di una nuova riorganizzazione della propria vita lavorativa, da coniugare con nuove esigenze nei processi di cura di figli e familiari."

In cosa consiste il servizio “Avrò cura di te” 

Il servizio “Avrò cura di te” consisterà in incontri gratuiti a supporto della genitorialità, per lo sviluppo delle autonomie dei figli in età prescolare,  per l’uso consapevole delle tecnologie e la promozione di competenze relazionali tra pari, per la prevenzione di dinamiche di bullismo e cyberbullismo, e a supporto nell’acquisizione del ruolo di cura, come lo sviluppo di competenza per affrontare i nuovi bisogni e un adeguato equilibrio tra la cura di sé e quella del proprio genitore.

Il servizio sarà fornito dal mese di ottobre presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Bologna. Tutte le informazioni saranno disponibili sul Portale di Ateneo e sul sito di Dipartimento.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola primaria: niente voti ma giudizi, ecco come si legge la nuova pagella

  • Maturità 2021, cambia tutto: maxi prova orale e 5 candidati al giorno

  • Donati 10 computer agli istituti comprensivi Mattei e Majorana di San Lazzaro

  • Alma Mater, eletti i nuovi direttori di Dipartimento: tutti i nomi

  • L'Università di Bologna nella top 100 mondiale in 22 discipline, e 13 volte prima in Italia

  • RegioStars 2021: partito il concorso per i migliori progetti finanziati dall'UE

Torna su
BolognaToday è in caricamento