Università

UniBo: ecco i primi tre laureati in Artificial Intelligence

Il corso di Laurea Magistrale internazionale in Artificial Intelligence, istituito due anni fa, è un'iniziativa del Dipartimento di Informatica - Scienza e Ingegneria

Si è svolta la proclamazione dei tre primi laureati del corso di Laurea Magistrale internazionale in Artificial Intelligence (LM-AI) dell'Università di Bologna. La LM-AI, istituita due anni fa, è un'iniziativa del Dipartimento di Informatica - Scienza e Ingegneria (DISI) che mira a fornire una prospettiva a 360 gradi sull’AI moderna e competenze tecniche altamente specializzate  - si legge in una nota dell'ateneo - e molto richieste dal mercato del lavoro, e il cui successo è dimostrato anche dal numero elevatissimo e in forte crescita di domande di ammissione.

Francesco Antici, Luca Giuliani e Luca Salvatore Lorello sono i tre studenti, distintisi per talento e dedizione allo studio, che hanno discusso, ieri, le proprie tesi di laurea. Gli argomenti della dissertazione hanno messo in luce il grande contributo che l'AI può offrire alla società odierna: Antici ha studiato dei metodi di elaborazione del linguaggio in un’ottica di pluralismo linguistico, cosa particolarmente utile in un contesto come quello europeo; Giuliani ha contribuito allo sviluppo di diverse estensioni di un algoritmo per aumentare la trasparenza dei modelli di machine learning. Lorello ha applicato tecniche avanzate di elaborazione del linguaggio a diversi problemi in bioinformatica, ottenendo risultati importanti con significativi risvolti applicativi.

Il Prorettore ha salutato, congratulandosi con orgoglio, i tre neodottori magistrali che sono stati proclamati dal Presidente di Commissione con votazione unica di 110 e lode. Così come molte altre studentesse e studenti della LM-AI, anche questi neodottori sono già occupati prima ancora di aver terminato i propri studi.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

UniBo: ecco i primi tre laureati in Artificial Intelligence

BolognaToday è in caricamento