I tetti di Bologna, dall’amianto ai pannelli solari: si parte a marzo

Via l'amianto dai tetti della città: è il progetto Paes, Piano di Azione per l'Energia Sostenibile, del Comune di Bologna, CNA e Unindustria

Finalmente via l’amianto dai tetti di Bologna: a marzo parte il primo progetto esecutivo del PAES (Piano di Azione per l'Energia Sostenibile) messo in atto dal Comune di Bologna, CNA e Unindustria, per rimuovere l'amianto dai tetti della città e, al tempo stesso, realizzare impianti fotovoltaici e migliorare l'isolamento termico degli edifici.
"Cna e Unindustria hanno raccolto la sfida di tenere insieme un progetto di sviluppo delle fonti rinnovabili e la rimozione di un elemento fortemente inquinante come l'amianto", sottolinea l'assessore all'Ambiente Patrizia Gabellini. "Il progetto offre dunque molteplici aspetti virtuosi", aggiunge, "dal punto di vista dell'integrazione pubblico e privato: il sostegno economico per la rimozione dell'amianto che è un obbligo di legge, la diffusione dell'energia fotovoltaica, il miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici".

GLI INTERVENTI. Riguarderanno il patrimonio edilizio privato e potrebbero arrivare, secondo le stime, all'installazione di 2,2 MWp di fotovoltaico, corrispondenti a circa 18.000 m2 di superficie, per un totale di 13.500.000 euro di investimenti.
Le imprese che installano impianti fotovoltaici garantiranno lo smaltimento gratuito dell’amianto rimosso, ed eventualmente effettueranno interventi di isolamento termico, mentre il Comune si impegna a mettere in atto azioni di agevolazione e semplificazione amministrativa oltre alla promozione attraverso i propri canali istituzionali ed il sito del PAES.
Oltre a questo ruolo di impulso il Comune di Bologna continua a monitorare, in collaborazione con gli altri gestori di beni pubblici, gli edifici che registrano ancora presenza di amianto e sta predisponendo un vademecum sugli obblighi in carico ai proprietari, da diffondere grazie alle associazioni di categoria.

PAES. Il 26 Ottobre 2012, a Palazzo d'Accursio, è stato firmato il Protocollo d'Intesa tra Comune di Bologna e attori del territorio per l'attuazione del Piano di Azione per l'Energia Sostenibile (PAES). Tutti i soggetti sottoscrittori daranno vita ad accordi attuativi, per la realizzazione di specifiche azioni del PAES: la realizzazione di campagne informative e di sensibilizzazione, la definizione di pacchetti di offerta di beni e servizi per l'efficienza energetica degli edifici residenziali, la sostituzione delle coperture in amianto con pannelli fotovoltaici, lo sviluppo sul territorio comunale di "Comunità Solari".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nicoletta Mantovani sposa il suo Alberto: "Matrimonio a Bologna, in una chiesa speciale per me"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, aumento contagi: +41, a Bologna 12

  • Tir fermo in autostrada, camionista trovato morto

  • Incidente stradale, esce di strada e si schianta contro la recinzione: è grave

  • Coronavirus Emilia-Romagna, il bollettino: 44 nuovi casi, un morto a Bologna. Allerta per "focolai di rientro dalle vacanze"

  • Coronavirus, direttore Microbiologia Sant'Orsola: "Virus muta, autunno incerto"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento