L’Emilia-Romagna combatte l’inquinamento ambientale

743,8 tonnellate di CO2/annue abbattute grazie a interventi di efficientemento su condominii centralizzati Con ECOndominio 100 nuove diagnosi energetiche gratuite per Bologna ed Emilia Romagna

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

E' stata prorogata al 30 giugno 2017 la scadenza per l'installazione delle valvole nei condominii a riscaldamento centralizzato. Un obbligo di legge che risponde alla direttiva europea in base alla quale gli Stati Membri, e quindi anche l'Italia, sono obbligati a definire una strategia nazionale per raggiungere gli obiettivi del Pacchetto Clima Energia 20-20-20. Il riscaldamento degli edifici residenziali è la seconda causa di inquinamento urbano; ogni appartamento inserito in condominio inquina in media come 2 auto e spreca il 50% di quanto consuma mentre sono 22,1 le tonnellate di CO2 che possono essere risparmiate in media in un anno per ogni stabile riqualificato. Diventa quindi più che mai urgente e tassativo intervenire in modo risolutivo sui condominii più energivori, da riqualificare nel rispetto delle norme, in modo efficiente e senza spese aggiuntive.

Dopo il successo dell'ultima edizione, torna la Campagna di Diagnosi Energetica Gratuita di ECOndominio® - ESCo specializzata nella promozione e diffusione della cultura dell'efficienza energetica in condominio -, riservata ai condominii centralizzati di Bologna e di tutta l'Emilia Romagna e presentata oggi in occasione del convegno "Condominii esistenti: è possibile riqualificare a norma, in qualità e senza esborso di denaro". Organizzato da ECOndominio® con il patrocinio della Regione Emilia Romagna e Città Metropolitana di Bologna e in collaborazione con Confabitare, il convegno ha riunito intorno al tavolo esperti, istituzioni, istituti di credito e associazioni di amministratori condominiali in una occasione di formazione sulle novità legislative in atto e di confronto tra tutti i soggetti coinvolti nella filiera dell'efficienza energetica in condominio su un nuovo metodo risolutivo, concreto ed efficace per consentire di riqualificare il proprio condominio in qualità e a norma, con soluzioni per il finanziamento degli interventi senza incrementi di costi e con garanzie di risparmio energetico. "L'adeguamento degli edifici esistenti dal punto di vista energetico, sismico e, perché no, anche ai mutati stili di vita è una delle sfide più importanti che ci aspetta" - ha dichiarato Luca Lelli, Consigliere Del. Politiche per la casa, Edilizia Pubblica, Affari Istituzionali Città metropolitana di Bologna - "Anzi, non ci aspetta...siamo già in ritardo! Soprattutto per gli edifici privati ed in particolare condominiali c'è bisogno di incentivi che comunque sono già arrivati ed in essere da alcuni anni, ma soprattutto c'è bisogno di un cambio dal punto di vista culturale. Se non adeguiamo d ammoderniamo i nostri beni più preziosi ovvero le nostre case non vorremo bene ai nostri patrimoni e al nostro voler vivere bene." Nel suo intervento di saluto Alberto Zanni, Presidente Nazionale Confabitare, ha detto "L'Associazione di cui sono Presidente è nata con l'obiettivo di tutelare la proprietà immobiliare, ponendosi come l'interlocutore principale nei confronti delle Autorità e delle Istituzioni per discutere di tutte le problematiche legate al mondo della casa e dell'abitare. Tra le varie funzioni c'è dunque anche quella di confrontarsi su diverse tematiche che coinvolgono le abitazioni, non ultima quella legata all'inquinamento urbano che pesa sul valore dell'immobile stesso così come sulla qualità abitativa. Per questo motivo, siamo lieti di porci al fianco di ECOndominio e di promuovere presso i nostri associati il suo progetto, che porta soluzioni efficaci e durature in tema di abbattimento dell'inquinamento residenziale nel rispetto delle norme e con effettivi benefici non solo di confort ma anche economici." I numeri parlano chiaro: 743,8 tonnellate di CO2/annue sono già state abbattute grazie all'attività di ECOndominio® nella regione Emilia Romagna (39 interventi di Efficientamento realizzati di cui 10 a Bolgona e provincia), con un risparmio medio in bolletta del 30% per famiglia. Questa cifra potrebbe addirittura raggiungere le 3352 ton/CO2 annue se tutti i condominii che hanno già effettuato la diagnosi energetica (obbligatoria per legge) con ECOndominio® facessero l'intervento di efficientamento, con una media annua di risparmio di 10.100 euro per edificio. E 990 tonnellate di CO2 sarebbero abbattute sulla sola area metropolitana di Bologna, dove gli edifici condominiali diagnosticati sono stati già 40. Ma tutto deve partire da una corretta Diagnosi Energetica: per questo ECOndominio® ha deciso di erogare 100 nuove diagnosi energetiche gratuite per i condominii più energivori non solo di Bologna ma dell'Emilia Romagna (da richiedere a diagnosienergetica@econdominio.eu). "Le agevolazioni fiscali sulla casa sono uno dei punti principali della Legge di Stabilità 2017" - ha dichiarato Stefano Biancolini, direzione tecnica ECOndominio® - "Le novità non riguardano solo la proroga delle misure, ma ampliano la platea dei beneficiari, aumentano gli sconti e consentono in alcuni casi di recuperare in un tempo minore i soldi investiti per mettere a norma il proprio immobile. Questo andando incontro alle esigenze dei cittadini e al contempo abbattendo l'inquinamento ambientale nel rispetto della Normativa Europea. Tra le novità più significative, la percentuale detraibile - fissata al 65% per i singoli immobili - potrà salire nel caso in cui la riqualificazione energetica riguardi interventi su interi edifici condominiali e varierà in base all'entità dei lavori effettuati potrà arrivare fino al 75%".

I più letti
Torna su
BolognaToday è in caricamento