rotate-mobile
energia

Rig.ener.a: così le case Acer diventeranno a basso consumo energetico

Le case popolari di Bologna sprecano troppa energia. Il Comune da' il via a un piano per trasformare gli appartamenti di 23 edifici Acer in alloggi a basso consumo energetico, senza far spendere soldi agli inquilini!

Le case popolari di Bologna, comprese quelle più nuove, sprecano troppa energia. Per questo il Comune da' il via a un piano per trasformare gli appartamenti di 23 edifici Acer in alloggi a basso consumo energetico, senza far spendere soldi agli inquilini, con lo scopo di portare benefici ambientali, risparmio dal 30 al 40% sulle bollette e anche lavoro.

L'assessore comunale alla Casa, Riccardo Malagoli, questa mattina ha presentato il progetto Rig.ener.a. che prende il via con un protocollo d'intesa per la rigenerazione energetica firmato dall'amministrazione, Acer Bologna, e Ciri Edilizia e costruzioni dell''Ateneo di Bologna. L'iniziativa, unica nel suo genere,è definita da Malagoli, un "progetto pilota che potrà espandersi a tutti i 12.272 alloggi popolari, per essere un esempio a livello nazionale". Palazzo D'Accursio ci mette 7,5 milioni di euro, quelli ricavati dalla vendita di una tranche delle case Acer alienabili (un centinaio finora, con altre 250 già in vendita), ma l'idea è di moltiplicare gli investimenti. Come?

A giorni si aprirà un "dialogo competitivo" rivolto alle Esco (Energy service companies), aziende che si occupano appunto di energia, che proporranno i loro piani per la riqualificazione energetica degli stabili e si accolleranno le spese, anche tramite la ricerca di linee di credito. Una volta partito il bando le imprese vincitrici saranno ripagate, per un tot di anni, dal risparmio prodotto con le nuove caldaie, serramenti isolanti e cappotti. Una volta conclusi i piani di ammortamento e incassati gli utili stabiliti, le imprese ''si faranno da parte'' e i risparmio in bolletta sarà per il Comune e gli inquilini.

Il primo stralcio di interventi sarà realizzato nell'arco dei prossimi tre anni, ma se l'esperimento funziona, Palazzo D'Accursio, assieme ad Acer e a Ciri, ha intenzione di andare avanti, tentanto di sfruttare anche fondi nazionali ed europei per rendere meno energivore e piu' economiche le case popolari sia a Bologna che nell'area metropolitana. Nel progetto è inclusa anche la "formazione" all'uso corretto dell'energia per le famiglie che abitano negli alloggi Acer. (AGENZIA  Dire)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rig.ener.a: così le case Acer diventeranno a basso consumo energetico

BolognaToday è in caricamento