Via Larga, ecco 'Riciclia Point': l'eco-compattatore che mangia rifiuti e restituisce vantaggi

Il raccoglitore di bottiglie di plastica rilascia un ticket per la spesa dell'importo di 1 euro per il conferimento di 20 bottiglie

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

PER INCENTIVARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA E PROMUOVERE BUONE PRATICHE PER LA CITTÀ E L'AMBIENTE.

AL TAGLIO DEL NASTRO ERANO PRESENTI LE AUTORITÀ
E OLTRE 100 BAMBINI DEI CENTRI ESTIVI, MA ANCHE LE CHEERLEADER JADE DRAGON E LA SCUOLA DI MUSICA MARTO'


Al centro commerciale Vialarga è stato installato il Riciclia Point, un nuovo eco-compattatore di bottiglie di plastica, originale perché incentivante: i cittadini che inseriscono bottiglie di plastica nel riciclatore ottengono uno sconto sulla spesa.

La macchina riduce il volume iniziale delle bottiglie, rendendole pronte per essere inviate al riciclo, e contribuisce quindi all'abbattimento delle emissioni di CO2 derivanti dalla movimentazione dei rifiuti. Ma il suo punto di forza sta nella sua capacità di trasformare il rifiuto in denaro: il raccoglitore rilascia un ticket per la spesa dell'importo di 1 euro per il conferimento di 20 bottiglie di plastica e di 0,50 centesimi per 10 bottiglie. Un premio, quindi, per chi ricicla, allo scopo di incentivare la raccolta differenziata attraverso il messaggio: il riciclo è ricchezza.

La raccolta differenziata - spiega Simone Borsari Presidente Quartiere San Donato- San Vitale - è il modo migliore per preservare e mantenere le risorse naturali, a vantaggio nostro, dell'ambiente in cui viviamo ma soprattutto delle generazioni future.

Questo modello di raccolta differenziata permette infatti di risparmiare acqua, petrolio e tantissimi chilogrammi di CO2 non emessa nell'atmosfera; e intanto, i cittadini risparmiano sulla spesa, facendo un piccolo sforzo in difesa dell'ambiente e contribuendo alla ritrasformazione della plastica in oggetti utili.

Naturalmente prosegue, in collaborazione con le scuole di Bologna, la raccolta di tappi di plastica: in pochi mesi ne sono stati conferiti oltre 200 kg, che verranno venduti alle aziende che riciclano il polietilene per produrre arredi urbani, vasi e oggetti di varia natura.

Questo consentirà di ricavare proventi per l'acquisto di materiali e strumenti didattici.

Insomma, un circolo virtuosissimo, che fa bene alla città, ai suoi cittadini e all'ambiente.

Torna su
BolognaToday è in caricamento