Secondo sciopero per il clima: corteo degli studenti in centro

Si sono dati appuntamento, a centinaia, in piazza XX Settembre. Da qui un corteo è partito alla volta di piazza Maggiore, parlizzando i viali e la zona U. Cori, striscioni e richieste: "No al Passante, i Prati di Caprara restino un bosco urbano"

SCIOPERO CLIMA 24 MAGGIO

Oggi al via il secondo sciopero per il clima promosso dal movimento FridaysForFuture dopo il successo della mobilitazione dello scorso 15 marzo, che aveva visto una massiccia adesione anche a Bologna. Anche questa giornata sarà dedicata ai problemi causati dall'azione dell'uomo in termini di cambiamento climatico e sfruttamento delle risorse naturali. “Chiunque sei, ovunque sei, abbiamo bisogno di te” con queste parole Greta Thunberg in uno dei suoi tanti appelli sta sensibilizzato il mondo, chiedendo a tutti azioni concrete contro i cambiamenti climatici e una sostenibilità ambientale che dia un diritto al futuro a tutti.

Studenti in corteo nel centro di Bologna

Nel capoluogo felsineo gli studenti si sono dati appuntamento intorno alle 9 in piazza XX Settembre. Da qui un corteo di circa 700 persone è partito alla volta del cuore della città, tra cori e striscioni. Il 'serpentone' si è immesso sui viali, bloccando il traffico, per poi puntare alla zona universitaria, con un stop in piazza Verdi e infine la conclusione prevista in piazza Maggiore.

Fridays for Future Bologna: "No a Passante di Mezzo, Prati di Caprara restino un bosco urbano"

"Sono sempre più numerosi i cittadini che aderiscono al percorso di Fridays for Future per chiedere di cambiare il sistema e non il clima, per avere aria più pulita, meno plastica nei nostri oceani, una totale riconversione energetica in senso rinnovabile, ma pagata dai pochi che hanno tratto profitto dalla devastazione dei nostri territori", così gli esponenti del movimento Fridays for Future Bologna, che aggiunge: "dopo esserci riuniti ogni venerdì nelle piazze di questa città, come Fridays for Future Bologna, oggi siamo in corteo con studenti medi, universitari e lavoratori. Chiediamo  un cambiamento del sistema a livello globale e locale: vogliamo che il Passante di Mezzo non venga realizzato, in qualsiasi forma, che i Prati di Caprara rimangano un bosco urbano e non devono essere aperti ulteriori supermercati nella nostra città".

Sciopero contro il riscaldamento globale, viali bloccati| VIDEO

Studenti in piazza anche ad Imola

A Imola l'appuntament è dalle ore 8 tra p.zale Michelangelo e parco di via Kolbe. Oggi accanto agli studenti imolesi anche la Cgil, che sotiene che "a necessità di una transazione ecologica verso un modello più sostenibile deve essere fondato su criteri di sostenibilità ambientale e sociale, a partire da una attenta riconversione dei processi produttivi, passando dalla riduzione dei consumi energetici ad un sistema di mobilità sostenibile, all'attenzione alle filiere produttive alimentari, alla riduzione dei consumi di plastica. La CGIL di Bologna, quindi, oggi è al fianco degli studenti "per rivendicare un nuovo modello di sviluppo di produzione e di consumo per rendere sostenibile il pianeta dal punto di vista climatico e sociale".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave lutto per Cesare Cremonini: morto il papà Giovanni

  • Lutto all'Alma Mater: morto a 94 anni Alfonso Traina, professore emerito, filologo e latinista

  • Funerale Giovanni Cremonini, in centinaia per l'ultimo saluto al babbo di Cesare

  • Castel San Pietro, litigi frequenti nel bar mal frequentato: giù le serrande per 7 giorni

  • Piazzola sospesa per due giorni, gli ambulanti protestano

  • Incidente a Budrio: schianto tra auto alla Riccardina

Torna su
BolognaToday è in caricamento