Agricoltura urbana, agricoltura sostenibile: parte il progetto Susturbanfoods

Il Centro Studi e Ricerche in Agricoltura Urbana e Biodiversità dell'Alma Mater dà il via a un nuovo studio che punta a fornire strumenti e dati a sostegno delle economie locali e verdi

Orti urbani, orti comunitari, persino piccole aziende agroalimentari: la rivoluzione verde nelle città continua a crescere e a dare frutti. E ora l'Università di Bologna scende in campo per studiare e migliorare la sostenibilità di questi nuovi spazi agricoli che si aprono tra case e palazzi. Per farlo, il Centro Studi e Ricerche in Agricoltura Urbana e Biodiversità dell’Alma Mater ha lanciato SustUrbanFoods, nuova azione Marie Sklodowska-Curie dedicata a quantificare la sostenibilità delle innovazioni sociali e tecnologiche nei sistemi agroalimentari urbani.

"In città come Bologna - spiega Esther Sanyé-Mengual, ricercatrice Unibo che segue il progetto - l'agricoltura urbana si sta espandendo sfruttando terreni liberi nel centro urbano, aree disponibili nella periferia o spazi non utilizzati tra gli edifici e negli edifici. Questi sistemi agroalimentari urbani sono comunemente associati a benefici ambientali, sociali ed economici e SustUrbanFoods mira a sviluppare un quadro metodologico interdisciplinare per valutarne la sostenibilità".

Il progetto, infatti, si concentra sulla valutazione dei tre aspetti della sostenibilità: l'ambiente, la società e l'economia, tutti influenzati dai sistemi agroalimentari urbani. L'obiettivo principale è quello di fornire strumenti e dati per sostenere le politiche e le decisioni di supporto a economie locali e verdi: uno schema, insomma, in grado di analizzare sia gli impatti che i benefici dei sistemi agroalimentari urbani.

Per arrivare a questo risultato saranno analizzati dodici casi di studio in quattro paesi europei che esemplificano diverse innovazioni sociali e tecnologiche. A Bologna saranno interessati l’orto comunitario sul tetto dei palazzi di edilizia popolare di via Gandusio, lo Spazio Battirame in Zona Roveri e la Cooperativa Arvaia (sistemi di agricoltura supportata dalla comunità): tutti esempi di nuovi sistemi agroalimentari urbani basati su innovazioni sociali. Altri sistemi che saranno oggetto di studio includono innovazioni tecnologiche, come serre ad alta tecnologia che utilizzano bioenergie, o la produzione all'interno degli edifici (indoor farming) con illuminazione a LED.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il progetto "SustUrbanFoods: Integrated sustainability assessment of social and technological innovations towards urban food systems'' è sviluppato da Esther Sanye-Mengual, ricercatrice post-dottorato del Centro Studi e Ricerche in Agricoltura Urbana e Biodiversità (ResCUE-AB) dell’Università di Bologna, e coordinato dal docente Unibo Giorgio Prosdocimi Gianquinto.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Incidente sulla A14, camion si ribalta: 60mila pulcini in autostrada, code e traffico

  • L'oroscopo di agosto segno per segno: ecco cosa dicono le stelle

  • Da Budrio a "Mister Italia 2020": Ruben Ganzerli tra i trentadue finalisti

  • La montagna vicino Bologna: 5 escursioni a due passi dalle Due Torri

  • Temporale improvviso nel gran caldo, alberi caduti e allagamenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento