Natale e Capodanno alla (ri)scoperta del territorio: 5 luoghi magnifici da visitare

Iniziano le festività e in molti avranno un po' di tempo in più. Come impiegarlo? Magari concedendosi una breve gita fuoriporta tra le tante bellezze che racchiude l'hinterland bolognese

BAZZANO (FOTO COMUNE VALSAMOGGIA)

Conto alla rovescia per l'inizio delle feste. Tra Natale e l'Epifania in molti avranno un po' di tempo in più. Come impiegarlo? Magari concedendosi una passeggiata per (ri)scoprire le tante bellezze che racchiude l'hinterland bolognese. Ecco una piccola guida, in 5 tappe, che vi condurrà tra castelli, edifici storici e luoghi di indubbio fascino. Buona gita e buone feste!

PRIMA TAPPA
San Lazzaro di Savena, Castello Dolfi Ratta (Via Emilia 261).  
Per arrivare a scovarlo è necessario percorrere un viale alberato che immette in un parco secolare che circonda il Castello. Edificato nel 1500, è posto volutamente a mille passi dalla via Emilia, ma il complesso risale al quattrocento, quando era adibito a lazzaretto, da qui il nome San Lazzaro di Savena All'interno del parco vi è ancora un'antica ghiacciaia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SECONDA TAPPA
San Giovanni in Persiceto, il Palazzaccio (Via Antonio Gramsci, 18). 
Detto anche Palazzo dell’Abate, venne edificato nel XIII secolo e fu residenza del riscossore delle decime per conto dell’Abbazia di Nonantola. Sono infatti ancora visibili gli zoccoli “anticarro” dei pilastri, per poter consentire l’accesso dei carri. Quando l’Abate di Nonantola perse la giurisdizione sul territorio, agli inizi del ‘300 furono costruite le fosse difensive attorno alla città. Agli inizi del '500 fu occupato da un ramo della casa senatoria bolognese Sampieri e nel 1710 fu convertito in abitazione. Di aspetto medievale, si presenta con una struttura muraria su un portico in legno Dal 1959 l'edificio è di proprietà del Consorzio Agrario dei Partecipanti, un'antichissima associazione agraria proprietaria di appezzamenti di terreno, che ancora oggi si occupa ogni nove anni della divisione delle terre fra i propri componenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino Covid, boom contagi: +1.180 casi in regione, +348 a Bologna. Altri 10 morti

  • Crollo in via del Borgo: morto al Maggiore lo studente travolto dalle macerie

  • 23 ottobre, sciopero nazionale treni e bus: cosa c'è da sapere

  • Gianluca Vacchi firma una cashback card: oltre ai benefit, c'è anche un progetto benefico

  • Crollo via del Borgo, Francesco muore a 22 anni. Il Comune: "Un dolore per tutta la città"

  • Bollettino covid: +164 nuovi casi a Bologna, 888 in Regione. "Stabili i ricoveri nelle terapie intensive"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento