rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Documenti

Separazioni e divorzi 'brevi': come e dove fare domanda

Tutto quello che di utile c'è da sapere

Può capitare che il matrimonio alla fine non sia come era stato sognato, e che prendere strade diverse sia la soluzione per entrambi. E in alcuni casi è anche possibile separarsi attraverso il 'divorzio breve'.  

I coniugi che vogliono separarsi o divorziare o modificare le precedenti condizioni di separazione/divorzio, possono andare direttamente dall’ufficiale dello stato civile del Comune anche senza l'assistenza di un legale. Scopriamo insieme in quali contesti!

La separazione o il divorzio consensuale

I coniugi che vogliono separarsi o divorziare in modo consensuale, senza rivolgersi al tribunale, in presenza di determinate condizioni, possono:

  • sottoscrivere tra di loro un accordo di separazione o di divorzio innanzi all'Ufficiale dello Stato Civile.
    In questo caso l'assistenza degli avvocati difensori è facoltativa;
    oppure
  • negoziare tra di loro un accordo con l’assistenza di almeno un legale, una legale per parte;

Entrambi gli accordi sono considerati come i provvedimenti giudiziali che definiscono i procedimenti di separazione personale, di cessazione degli effetti civili o di scioglimento del matrimonio, di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.

Per presentare la domanda di divorzio devono trascorrere:

  • sei mesi ininterrotti in caso di separazione consensuale;
  • un anno nel caso di separazione giudiziale.

Chi può separarsi e divorziare davanti all'ufficiale di stato civile

Potete rivolgervi presso il Comune in cui:

  • avete celebrato il matrimonio in forma civile;
  • avete celebrato il matrimonio in forma religiosa;
  • è stato trascritto il matrimonio celebrato all’estero (da due cittadini italiani, o da una persona di cittadinanza italiana e una persona di cittadinanza straniera);
  • uno di voi coniugi è residente.

Condizioni

Non dovete avere:

  • figlie, figli minori;
  • figlie, figli maggiorenni portatori di handicap grave;
  • figlie, figli economicamente non autosufficienti.

Saranno considerati unicamente le figlie, i figli che avete in comune.

Trasferimenti patrimoniali

L'accordo non può contenere patti di trasferimento patrimoniale.
Se prevedete un obbligo di pagamento di una somma di denaro, ad esempio un assegno periodico, potete chiedere che tale decisione venga inserita all'interno dell'accordo stesso, sia nel caso di separazione consensuale che di divorzio.

Come funziona 

Voi coniugi dovete prenotare l'appuntamento con l'Ufficiale di stato civile e inviare la documentazione richiesta.
Il giorno stabilito vi presenterete davanti all'Ufficiale di Stato civile per firmare l'accordo di separazione o divorzio e, in quell'occasione, l’Ufficiale dello stato civile deciderà con voi una data per un secondo appuntamento (da fissare oltre i 30 giorni dalla firma del primo accordo).
Nel giorno prestabilito entrambi vi dovrete ripresentare per confermare il primo accordo che avete firmato; la conferma farà decorrere gli effetti della separazione o divorzio dalla data della sua prima sottoscrizione.
Se non vi presentate al secondo appuntamento non potrete confermare l'accordo e non sarà valida la separazione o il divorzio.

Costo

Separarsi o divorziare in Comune ha un costo di 16 euro come diritto fisso.
Potrete pagare con il bancomat direttamente l’ufficio matrimoni unioni civili.

Documentazione richiesta

  • Dichiarazione sostitutiva di certificazione compilata;
  • ricevuta del pagamento del diritto fisso.

Allegato:

Chi può separarsi o divorziare con l'assistenza di un avvocato

Per separarvi o divorziare potete ricorrere della convenzione di negoziazione assistita da almeno un avvocato, un'avvocata per parte.

Come funziona

La procedura prevede che l'accordo debba essere accompagnato da:

Nulla osta rilasciato dalla Procura della Repubblica nei seguenti casi:

  • in assenza di figlie, figli;
  • in assenza di figlie, figli minori;
  • in presenza di figlie, figli maggiorenne autosufficiente non portatore di handicap grave.

Autorizzazione rilasciata dalla Procura della Repubblica (previa valutazione dell’interesse dei figli) nei seguenti casi:

  • in presenza di figlie, figli minori;
  • di figlie, figli maggiorenni portatori di handicap grave;
  • di figlie, figli maggiorenni non autosufficienti;

L’avvocato, l'avvocata, una volta ottenuto il nulla osta o l’autorizzazione da parte del giudice, dovrà trasmettere l'accordo e il modello istat sc6-sc12 2021 entro 10 giorni al comune dove è stata fatta la:

  • celebrazione del matrimonio in forma civile;
  • celebrazione del matrimonio in forma religiosa;
  • trascrizione del matrimonio celebrato all’estero (da persone di cittadinanza italiana, o da persona di cittadinanza italiana e persona di cittadinanza non italiana)

Il modello Istat sc6-sc12  è parte integrante della documentazione richiesta ed è importante compilarlo in modo corretto.

L’obbligo di risposta  è sancito dall’art. 7 del decreto legislativo n. 322/1989 e dal DPR 20 maggio 2019 di approvazione del Programma statistico nazionale 2017-2019 -  Aggiornamento 2018-2019 e dell’allegato elenco delle indagini che comportano l’obbligo di risposta per i soggetti privati. L'accordo dovrà essere poi inoltrato al Protocollo generale del comune di Bologna via pec o consegnato presso gli sportelli o spedito via posta.

Fonte: Comune Bologna

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Separazioni e divorzi 'brevi': come e dove fare domanda

BolognaToday è in caricamento